Contenuto sponsorizzato

L'orsa dalla zampa amputata è mamma e sta crescendo un cucciolo (IL VIDEO). L'appello: ''Se tifate per lei non disturbatela''

Si chiama F20 e anche il sito dei Grandi carnivori della Pat parla di lei spiegando quali sono le sue condizioni. La pagina ''Convivere con l'orso sulle Alpi'' chiede di non andare a cercarla e che se per qualche ragione qualcuno dovesse incontrarla la lasci in pace e chiami i forestali

Pubblicato il - 27 maggio 2019 - 19:56

BRENTA. E' rimasta amputata poco sotto il ginocchio e nel video è evidente che l'orsa F20 è claudicante, menomata all'arto. Questo video è stato realizzato da molto lontano con la tecnica del digiscoping (da Renato Rizzoli) e mostra l'avvistamento dell'orsa F20. Mamma di un cucciolo si aggira nella zona del Brenta e lo stesso sito della Pat spiega che ''gli avvistamenti hanno permesso di constatare che l’orsa ha una menomazione all’arto posteriore sinistro, che risulta amputato poco sotto il ginocchio; casi analoghi noti anche su altre specie fanno ritenere che l’animale abbia comunque buone probabilità di sopravvivere nel medio-lungo periodo''.

 

Resta, al momento, il mistero su cosa possa essere accaduto a questo plantigrado per ridurla così. La domanda viene posta anche sulla pagina Facebook ''Convivere con l'orso sulle Alpi'': ''Ecco allora l’appello che rivolgiamo a chi segue da sempre le altalenanti vicende dell’orso in Trentino e ancora di più a chi ne vede un filmato per la prima volta o legge saltuariamente le notizie sulla sorte dei nostri plantigradi: lasciate in pace quest’orsa. La sua menomazione può pregiudicare la sua sopravvivenza e quella del suo cucciolo che nonostante tutto è riuscita ad allevare fino ad oggi''.

 

''Un disturbo provocato da curiosi è l’ultima cosa della quale ha bisogno questa situazione già molto critica. Quindi - si conclude sulla pagina che è seria ed attenta - se amate gli orsi e tifate per quest’orsa, come noi: non andate a cercarla, non cercate di fotografarla da vicino, non attiratele e non date cibo, ma, se la avvistate, chiamate subito il personale forestale''.

 

Per quanto riguarda i lupi , spiega il sito dei Grandi Carnivori della Pat non si sono segnalati avvenimenti particolari nel mese di aprile. Va ricordato che nel territorio provinciale e nelle aree delle province confinanti sono presenti sei-sette branchi per un totale stimato di 30-40 esemplari. Il monitoraggio della specie è garantito con alti standard di precisione ed aggiornamento, con particolare riguardo all’alta val di Fassa.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

30 settembre - 10:00

L'amministrazione comunale ,in una nota, ha ricordato che la temperatura massima interna della casa prevista dalla legge è di 20 gradi centigradi: temperature più basse peggiorano il comfort mentre a ogni grado in più di temperatura interna dell’aria corrisponde, ovviamente, un maggior consumo di combustibile

29 settembre - 19:23

Si tratta di una studentessa del liceo sociale di Brunico che è risultata positiva al Covid-19. Né i suoi compagni, né il personale docente sono in quarantena, in quanto la ragazza nei giorni scorsi si trovava in quarantena preventiva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato