Contenuto sponsorizzato

Recuperati da scavi archeologici dei semi essiccati per ricostruire la storia del melo

Lo studio, pubblicato su Trends in Plant Science, vede tra i protagonisti Cristiano Vernesi e Alice Fietta del Centro Ricerca e Innovazione della Fondazione Edmund Mach

Di Marco Roncador (Liceo Prati) - 29 luglio 2019 - 12:34

TRENTO. Dagli scavi archeologici la ricostruzione della storia del melo. Spesso discipline scientifiche completamente diverse possono contribuire fruttuosamente ad una stessa ricerca, portando ad ottimi risultati. E così è stato anche per il nuovo studio, condotto da un gruppo internazionale, che ha ricavato informazioni per ricostruire il processo di domesticazione del melo grazie all’applicazione di tecniche genomiche a semi essiccati provenienti da scavi archeologici.

 

All’interno dell’equipe, composta da studiosi francesi, statunitensi, olandesi, tedeschi, belgi e italiani, figurano Cristiano Vernesi e Alice Fietta del Centro Ricerca e Innovazione della Fondazione Edmund Mach, che anche grazie all’aiuto di Cooperfidi hanno contribuito alla caratterizzazione genetica degli antichi semi di mela di epoca romana e medievale, rilevati da diversi siti europei.

 

Lo studio, pubblicato su Trends in Plant Science, una delle più importanti e prestigiose riviste internazionali, ha visto anche l’utilizzo dell’archeobotanica, che ha aiutato i ricercatori a documentare la transizione dalla raccolta ed uso della mela fino alle attuali pratiche di coltivazione. Pare che le tecniche genomiche utilizzate nella ricerca potranno in futuro condurre ad una conoscenza ancora più dettagliata dei tratti coinvolti nella domesticazione: ciò avrebbe un grande potenziale in termini di incremento delle attuali tecniche di coltura.

 

Questa la portata di uno studio che conferma ancora una volta la Fondazione Edmund Mach come una delle eccellenze a livello internazionale nello studio del melo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 18:05

Oggi la Giunta provinciale ha approvato il documento attraverso il quale si avvierà la riduzione delle presenze all'interno della residenza fino alla chiusura. Sul tema dell'accoglienza il neo sindaco di Trento, Franco Ianeselli, ha spiegato che tra Pat e Comune ci sono due linee opposte: "Sbagliato scaricare sulla città tutti gli oneri come è stato fatto negli ultimi anni. La strada giusta è l'accoglienza diffusa"

29 settembre - 18:14

La Provincia rinnova infine l'appello di seguire le regole: "Si devono tutelare il più possibile gli anziani, obiettivo che i giovani devono concorrere a raggiungere attuando le regole igieniche e il corretto distanziamento"

29 settembre - 17:19

Se Riva pare la piazza più in bilico dove la destra potrebbe tentare il colpo forte anche dell'alleanza con i civici di Malfer e il Patt locale, quello provinciale ricorda ai suoi elettori da che parte sta l'Autonomia. Intanto anche le Sardine tornano a farsi sentire (giovedì a Riva alle 17 ci sarà un flash mob) ben consce del fatto che anche nelle piazze dove qualcuno poteva sperare nel cambiamento il rischio di ritrovarsi con la Lega del Trentino (e non quella di Zaia) al governo è troppo alto 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato