Contenuto sponsorizzato

''Se investite un cervo o un capriolo fermatevi e avvisate il 112''. Appello del Servizio foreste e fauna dopo lo scontro delle Lochere

Gli esperti spiegano: ''Chiedendo aiuto viene allertata la squadra di reperibilità forestale che avvisa il rettore della riserva''. Il primo consiglio è la prudenza: ''Attenzione ai cartelli''

Pubblicato il - 19 marzo 2019 - 19:43

TRENTO. "Se capita di investire un animale selvatico, un cervo o un capriolo, bisogna avvisare il 112 o la locale stazione forestale, se la si conosce". È la raccomandazione del Servizio foreste e fauna della Provincia.

Gli esperti tracciano il quadro degli accorgimenti da mettere in atto dopo l'episodio delle Lochere, che ha visto un automobilista investire un capriolo e poi fuggire, salvo poi tornare sul posto a recuperare la targa del veicolo che aveva perso nell'impatto (qui l'articolo).

 

"In primavera ed estate, ma anche in autunno per la stagione degli amori del cervo, i cervi e i caprioli si muovono di più. Può capitare che li si investa con l'automobile - fa sapere il personale faunistico - In questo caso bisogna chiamare il numero unico dell'emergenza 112, che allerta la squadra di reperibilità (ce n'è una diversa ogni settimana) che, a seconda dei casi con i vigili del fuoco o meno, si porta sul posto".

 

"È infatti necessario - spiegano gli esperti del Servizio provinciale - avvisare in questi casi il rettore della riserva, perché si tratta di selvaggina, animali per cui la riserva ha la delega gestionale". "Se l'animale muore - proseguono poi - le spoglie spettano all'investitore". Strano? Per niente: "È una sorta di risarcimento per il danno al mezzo".

 

Ma la prima regola, sottolineano dal Servizio foreste e fauna, è sempre quella della prudenza alla guida: "Ormai praticamente in tutte le strade della provincia interessate dal fenomeno ci sono i cartelli e le sagome stilizzate che avvertono del possibile attraversamento di ungulati. Se si fa attenzione si possono evitare gli investimenti. È importante procedere lentamente e prestare attenzione alla segnaletica".

 

In caso di investimento il conducente della vettura rischia una sanzione? "No, se rispetta il Codice della strada - è la precisazione - Se poi la velocità è pure contenuta il danno può essere contenuto esso stesso, altrimenti un impatto ad alta velocità può essere rischioso anche per chi è alla guida".

 

E se l'animale non muore? "Qui entra in ballo la legge per il benessere degli animali" dicono gli esperti. E non solo. Il Codice della strada a livello nazionale obbliga a fermarsi e prestare soccorso all'animale colpito.

 

Impossibile insomma fare finta di nulla. Recita il comma 9 bis dell'articolo 189 del Codice della strada: " L'utente  della  strada,  in  caso  di  incidente  comunque ricollegabile al suo comportamento, da cui derivi danno a uno o  più  animali d'affezione, da reddito o protetti, ha l'obbligo di  fermarsi e di porre in atto ogni misura idonea  ad  assicurare  un  tempestivo intervento di soccorso agli animali  che  abbiano  subito  il  danno". Ancora: "Chiunque non ottempera agli obblighi di cui al periodo precedente è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 410 a euro 1.643. Le persone coinvolte in un incidente con danno a uno o più animali d'affezione, da reddito o protetti devono porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento  di soccorso. Chiunque  non  ottempera  all'obbligo di cui al  periodo precedente è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 82 a euro 328". Chiedere aiuto, insomma, non è solo un atto di civiltà, ma anche un obbligo.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 giugno - 20:11

Un fiume di soldi intercettato dalla Guardia di Finanza del Trentino Alto Adige nell'ultimo anno e mezzo grazie alle indagini di polizia giudiziaria che hanno consentito complessivamente di denunciare 54 persone per riciclaggio e autoriciclaggio e di sottoporre a sequestro beni, titoli e valori per circa 2,4 milioni di euro

25 giugno - 18:13

Intorno alle 13.40 l'aggressione, all'altezza della fermata di Lamar. Poi l'uomo è riuscito a scappare. Andreatta: ''In questo periodo molta attenzione da parte anche degli altri utenti. Per ridurre i disagi sono stati tolti gli abbonamenti gratuiti a un uomo e due donne con disturbi psichici ormai noti sia ai passeggeri che al personale viaggiante''

25 giugno - 17:30

La serie di incidenti è avvenuta in vai Degasperi. Tutto è stato innescato da una manovra eseguita in maniera non perfetta in uscita da un parcheggio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato