Contenuto sponsorizzato

Mattia Brugnara conquista “l’Oscar green” grazie al gel sanificante a base di linfa di betulla: “Ho preso spunto dai Paesi nordici”

La menzione speciale “Covid-19” degli Oscar Green di Coldiretti è andata a Mattia Brugnara per aver inventato un gel sanificante a base di linfa di betulla: “Ho preso spunto dai Paesi Nordici per portarla poi in Italia: lì la linfa di betulla è venduta per le sue proprietà antiossidanti, drenanti e antiinfiammatorie, combinandola al gel si ottiene un doppio effetto benefico”

Di Rebecca Franzin - 13 agosto 2020 - 20:27

MEANO DI TRENTO. La pandemia ha spinto le persone a essere più resilienti, o come si dice “a fare di necessità virtù”. Questo è proprio quello che ha fatto il giovane imprenditore Mattia Brugnara capace di reinventare un prodotto adattando la sua linea produttiva. Non solo, Mattia ha ideato e collaborato con Coldiretti e Campagna Amica alla creazione della campagna Trentino da Vivere “Io compro Italiano” per incoraggiare a consumare prodotti del territorio.

 

Dopo aver studiato frutticoltura e viticoltura all’Istituto Agrario di San Michele all’Adige e ottenuto il diploma di tecnico agricolo, Mattia ha avviato nel 2018 la “Brugnara Azienda agricola Bio”, che in questi giorni è stata premiata con la menzione speciale “covid-19” agli Oscar Green 2020 di Coldiretti Giovani Impresa. L’azienda di Meano, frazione di Trento, si era aggiudicata “l’oscar” anche nel 2019, affermandosi nella categoria della sostenibilità.

 

Il giovane imprenditore si è guadagnato la menzione di Coldiretti per aver messo la sua produzione al servizio della prevenzione sanitaria sul fronte del Covid-19, creando un gel sanificante per mani a base di linfa di betulla. “Ho cominciato con i piccoli frutti come lamponi e ribes, poi ho iniziato a dedicarmi ai prodotti a base di linfa di betulla” racconta Mattia a Il Dolomiti. “Ho preso spunto dai Paesi Nordici per portarla poi in Italia: lì la linfa di betulla è venduta nelle farmacie o nelle erboristerie, viene bevuta per le sue proprietà antiossidanti, drenanti e antiinfiammatorie. Durante la pandemia abbiamo aggiunto il gel igienizzante alla linfa di betulla, creando un sanificante dalle doppie proprietà benefiche”.

 

Per via del lockdown non sono mancate le difficoltà: “Il coronavirus ci ha un po’ rallentati, soprattutto per quanto riguarda il packaging del reparto cosmesi, i processi di etichettatura e la messa a punto del sito, ma piano piano ci stiamo riprendendo” sottolinea Mattia, parlando degli effetti della pandemia sulla sua start up. “Per quanto riguarda la linea cosmetica a base di linfa di betulla, ora è disponibile in e-commerce sul sito”.

 

L’azienda è al 100% biologica e i terreni sono situati a 900 metri sul livello del mare: questo per garantire il giusto sbalzo termico e far sì che i frutti ottengano un forte contenuto zuccherino, oltre a garantire che le betulle abbiano la temperatura adatta per crescere al meglio. “A queste temperature l’equilibrio fra insetti utili e dannosi si mantiene quasi da solo e io posso intervenire il meno possibile” conclude Mattia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

19 settembre - 12:36

L'allerta è scattata intorno alle 7.30 di oggi, sabato 19 settembre, sull'Agner. Il 23enne stava procedendo in conserva insieme al compagno di cordata sulla parte sommitale dello zoccolo dello Spigolo nord. In azione il Pelikan di Bolzano, il Soccorso alpino di Agordo e l'equipe medica

19 settembre - 11:02

Salgono a quasi 1800 le persone in quarantena e di queste una cinquantina sono di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. Il rapporto tamponi – contagi rimane sopra l'1% 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato