Contenuto sponsorizzato

"Deboli e denutriti i caprioli non ce l'hanno fatta". I due cuccioli vittime delle "buone intenzioni" di chi li ha raccolti

Iris Moneta, collaboratrice del Cras di Treviso: “Alla fine i cuccioli non ce l'hanno fatta, erano troppo deboli e denutriti. Coloro che tagliano l’erba dovrebbero stare più attenti e controllare il posto soprattutto tra maggio e giugno, il periodo delle nascite”  

Foto Cras Treviso
Di Sabina Boscaro - 04 giugno 2021 - 18:31

TRENTO. Con l’erronea speranza di salvarli dai pericoli della natura, due cuccioli di capriolo sono stati prelevati dal prato in cui la madre li aveva nascosti, pensando che questa li avesse abbandonati o fosse morta. Il Cras (centro Recupero Fauna Selvatica) è stato però chiamato troppo tardi e i due piccoli, deboli e denutriti, non ce l’hanno fatta.   

 

È accaduto a Treviso, il 31 maggio, quando “due ragazzi si sono imbattuti in altrettanti cuccioli di capriolo, celati nel prato in cui stavano tagliando l’erba, e hanno pensato che fossero stati abbandonati dalla madre o che questa fosse morta. Almeno così mi è stato riferito – dichiara Iris Moneta, la collaboratrice del Cras di Treviso che si è occupata del caso – i due piccoli sono stati quindi consegnati ad una signora intorno alle 12, che a sua volta li ha portati alla fattoria didattica Colle Regina, da dove ci hanno chiamato alle 18.47”.

 

Sfortunatamente, nonostante le cure del centro, che ha provveduto a somministrare agli animali latte di capra, i due cuccioli non ce l’hanno fatta. “I caprioli, due maschietti di due giorni, erano già molto deboli e denutriti – continua Iris Moneta – il dubbio è che la mamma li avesse abbandonati già da qualche ora o che fossero stati trovati e prelevati alla mattina”. L’esperta continua quindi spiegando che “soprattutto uno dei due non riusciva a tenere su la testa e soffriva di dissenteria, per la denutrizione o perché alla fattoria didattica, pesando di fare il loro bene, gli era stata data acqua e zucchero, che a loro però fa male. Il più debole quindi ci ha lasciati alle 4 di notte e il fratellino l’ha seguito il giorno dopo”.

 

Come comportarsi dunque se si trovano cuccioli di capriolo?Accertarsi a distanza se i piccoli sono in pericolo, sono feriti o sono stati abbandonati, senza avvicinarsi in quanto, sentendo l’odore dell’uomo, la mamma non tornerà – spiega la collaboratrice –. È sempre preferibile chiamare il Cras, che può recarsi sul posto all’imbrunire, momento in cui le mamme tonano dai propri cuccioli per allattarli e in tal modo verificare se gli animali sono davvero stati abbandonati”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
24 giugno - 06:01
In aula è andato in scena un duello fra Dallapiccola e il presidente Fugatti che è apparso in difficoltà nel giustificare le scelte della Giunta [...]
Cronaca
24 giugno - 10:25
La donna, una turista lettone, aveva iniziato la salita dal lago di Braies verso le 18 e l'ultimo contatto risaliva alle 20, quando aveva [...]
Cronaca
24 giugno - 09:22
La donna è stata uccisa a coltellate apparentemente senza alcun motivo da un uomo 34enne affetto da turbe psichiche. Come dimostrano i [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato