Contenuto sponsorizzato

Lupo in Lessinia, al momento nessuna azione di contenimento

L'assessore provinciale Dallapiccola risponde all'Upt che con una interrogazione ha chiesto di valutare interventi per il contenimento della specie al fine di ridurre al minimo i danni causati da attacchi di lupi al patrimonio zootecnico

Pubblicato il - 05 settembre 2016 - 17:52

La Provincia ha già messo in atto “azioni funzionali alla riduzione e alla prevenzione dei danni da lupo” ed intende proseguire utilizzato due strumenti: recinzioni elettriche e cani da guardianìa. Non esiste, invece, al momento, l'intenzione di mettere in atto “interventi per il contenimento della specie”.

 

A dirlo è stato l'assessore provinciale Michele Dallapiccola in risposta ad una interrogazione sulla “Presenza dei lupi sui monti Lessini di Ala” presentata dal gruppo consigliere dell'Unione per il Trentino con i consiglieri Mario Tonina, Gianpiero Passamani e Pietro De Godenz. L'interrogazione è stata presentata a seguito di alcuni danni subiti dagli allevatori in zona Sega di Ala e del Carega ad inizio agosto.

 

Secondo l'ultimo rapporto orso, nel corso del 2015 sono stati registrati in provincia 240 dati riferibili al lupo; 12 provengono dall’alta Val di Non, 19 dalla Val Rendena-Brenta meridionale, 208 dai Monti Lessini e 1 da altre aree. Di questi, 53 sono relativi a riprese con fototrappola, 60 a campioni organici, 92 a piste su neve, 16 a danni su animali domestici e 19 a predazioni su selvatico. 

 

Dagli interroganti viene chiesto quale siano le azioni che l'Amministrazione provinciale intende intraprendere per evitare che gli allevatori subiscano ulteriori danni al patrimonio zootecnico a causa della presenza del lupo sul territorio, se sono stati valutati adeguati interventi per il contenimento della specie al fine di ridurre al minimo i danni e se è stata effettuata una valutazione dei rischi sul piano della sicurezza per l’uomo, tenuto conto anche della presenza di numerosi turisti nella zona interessata. Si chiede, inoltre, se sia stata valutata con attenzione l’opportunità di intraprendere lo sviluppo di campagne di ecoturismo legato alla presenza del lupo quali strumento di promozione del territorio interessato dalla presenza del predatore.

 

L'assessore Dallapiccola ha spiegato che “l'Amministrazione ha da tempo messo in atto azioni funzionali alla riduzione e alla prevenzione dei danni anche da lupo, estese all'area della Lessinia”. Più nel dettaglio, continua l'assessore, è stata dotata di cani da guardianìa malga Riondera, è stato messo a disposizione, in prestito, un recinto elettrificato per capre a Malga delle Cime, è stato fornito materiale per la realizzazione di un altro recinto in località Sega di Ala e sono stati consegnati box e recinti per malga Posta sul Carega.

 

Dallapiccola ha inoltre chiarito che per quanto riguarda il lupo, il contenimento della specie “non è attualmente praticabile nel contesto della Lessinia” perché “non si è in questo caso in presenza di una popolazione di lupo in stato di conservazione soddisfacente”.

 

Per quanto concerne la presenza di lupo come volano per il sistema di eco-turismo, il Trentino “sta muovendo i primi passi – ha spiegato l'assessore – in particolare in Lessinia, con l'organizzazione di uscite con accompagnamento sul tema del lupo”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 gennaio - 13:35

Via libera della Provincia ai test a pagamento per i soggetti asintomatici, e non in quarantena, che non appartengono a categorie a rischio per esposizione lavorativa e nemmeno contatti di caso sospetto, ma vogliano semplicemente sottoporsi a test a pagamento per scelta personale o per attività di screening d’iniziativa privata

22 gennaio - 13:32

La Provincia di Trento ha recepito l'accordo firmato con i sindacati di categoria che permetterà, non appena arrivati i vaccini AstraZeneca, ai medici di medicina generale di vaccinare i propri associati o quelli dei colleghi. Si parte con gli over80

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato