Contenuto sponsorizzato

Nevica al rifugio Antermoia e Martin Riz si tuffa nel lago: "C'è gente che paga per farlo e io ho la fortuna di viverci"

Dall'estate all'inverno nel giro di quarantotto ore. "Si passa da un'alba estiva a una giornata invernale. Non è la prima volta che nevica, l'ultima spolverata di bianco risale a giugno e anche questo è il bello della montagna"

Di Luca Andreazza - 03 settembre 2017 - 17:25

MAZZIN. Dall'estate all'inverno nel giro di quarantotto ore e Martin Riz, gestore dell'Antermoia, non si è voluto perdere l'occasione per un bagno nel paesaggio imbiancato. "Sono scesi circa venti centimetri - spiega - e le persone sedute all'interno del rifugio sono rimaste piacevolmente emozionate e stupite dalla neve di questo inizio settembre. Un'atmosfera speciale: c'è gente che paga per fare i percorsi Kneipp e invece ho la fortuna di vivere qui".


Giochi di colori e meteo testimoniate anche sulla pagina facebook del rifugio. "Si passa da un'alba estiva a una giornata invernale. Non è la prima volta che nevica, l'ultima spolverata di bianco risale a giugno e anche questo è il bello della montagna. Ora la neve, soprattutto lungo i sentieri si è già sciolta, ma ho approfittato di questa opportunità per fare una bella nuotata: la temperatura dell'acqua era superiore a quella esterna dell'atmosfera. Una sensazione unica, un'esperienza irrinunciabile".


 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 marzo - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 marzo - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato