Contenuto sponsorizzato

Orsi, ecco cosa fare in caso di attacco. L'azienda forestale: "Voci dicono che ci sarebbero 130 esemplari? Fake news. Sono la metà"

La Pat ha fatto un vademecum in caso di incontro con l'orso (comprensivo dell'uso dello spray). Intanto Groff smentisce le notizie incontrollate che circolano in rete: "Gli orsi europei sono massimo 3 ogni 100 chilometri quadri. Da quattro anni non sono più di 66 esemplari"

Di Luca Pianesi - 17 luglio 2017 - 19:36

TRENTO. Gli orsi in Trentino? "Sono tra i 49 e i 66 esemplari non più di 130 come riportato da voci incontrollate di stampo pseudo complottista". E in caso di attacco come ci si deve comportare? "Stendersi al suolo a faccia in giù, con le dita delle mani intrecciate dietro il collo e le braccia a proteggere il capo restando assolutamente immobili finché l'orso interrompe l'azione e si allontana". A parlare è l'azienda forestale, nel primo caso per bocca del coordinatore del settore grandi carnivori Claudio Groff, nel secondo caso tramite il depliant varato in questi giorni dalla Provincia di Trento che spiega come comportarsi in caso di incontro con l'orso.

 


 


 

La Pat lo ha elaborato sulla base dei consigli dei massimi esperti del mondo in materia (ed è stato approvato dallo Human-Bear Conflicts Expert Team del Bear Specialist Group dell'Iucn/Ssc, Unione Internazionale per la Conservazione della Natura). I consigli sono semplici e di immediata applicazione, alcuni intuitivi, ma, specifica la Pat, che permettono di "andare per i boschi, anche in presenza dell'orso". Anche perché gli orsi bruni europei – ricorda la pubblicazione - temono gli uomini e tendono a evitarli. Bisogna però ricordare che sono animali selvatici che possono manifestare comportamenti aggressivi per difendersi, per proteggere la prole o se vengono colti di sorpresa. E quindi la prima regola per chi si introduce in un bosco frequentato dagli orsi è far sentire la nostra presenza usando la voce, battendo le mani o accentuando il rumore dei passi.

 

In questi giorni, poi, una "voce" su internet starebbe mettendo in giro la falsa notizia che gli orsi in Trentino sarebbero oltre 130 aggiungendo che il reale numero verrebbe tenuto segreto e nascosto per evitare le proteste della popolazione. "Ovviamente è la solita bugia che si commenta da sola - spiega Groff -. Il numero è variabile perché gli orsi si spostano e molti vivono sul confine con la Lombardia, per esempio, o col Veneto o l'Alto Adige. Quando diciamo che sono 66 arriviamo a comprendere anche le nuove cucciolate e quelli itineranti. E la popolazione è grosso modo stabile da quattro anni. Il numero di 130, poi, è assurdo. Vorrebbe dire più del doppio e ciò andrebbe anche contro la scienza. Su Alpi e Pirenei è stato appurato che 'convivono' massimo 3 orsi ogni circa 100 chilometri quadrati. Quando sono di più si spostano per ragioni di territorio. E una popolazione doppia richiederebbe spazzi doppi rispetto agli attuali. Insomma è impossibile. Quando leggo queste cose mi immagino Maurizio Crozza che fa Napalm51 e si appiglia ai complottismi più incredibili. La questione orso, al contrario, è una delle più seguite e monitorate in assoluto. Ci sono report costanti, la trasparenza è davvero a 360 gradi".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 05:01

Una ricerca che ha messo insieme tanti pezzi di un mosaico per ricostruire la storia “perduta” di Anna Vivaldelli, uccisa a Dro l’8 marzo 1925. A quasi un secolo di distanza, in occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, ricostruiamo questa vicenda grazie ai documenti, le lettere e le testimonianze dell’epoca

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato