Contenuto sponsorizzato

In Trentino raddoppiano le "Bandiere Blu" che premiamo 10 spiagge

Tra le oltre 340 spiagge più belle d'Italia sono 10 quelle Trentine che quest'anno sono premiate con le 'Bandiere blu 2017'. Il doppio rispetto il 2016

Pubblicato il - 05 giugno 2017 - 19:24

TRENTO. La spiaggia di Roncone a Sella Giudicarie, la spiaggia di Levico, i lidi Bertoldi e Marzari di Lavarone, il porto di Camarelle di Bondone, la località Piazze a Bedollo, la spiaggia Lido, Aberon, Bar Spiaggia di Baselga di Pinè e ancora il lido di Caldonazzo, la spiaggia di Tenna, San Cristofono a Pergine e alle Barche di Calceranica.

 

Tra le oltre 340 spiagge più belle d'Italia sono 10 quelle Trentine che quest'anno sono premiate con le 'Bandiere blu 2017', il doppio rispetto il 2016.

 

Una certificazione importante, riconosciuta in tutto il mondo, che punta a premiare la conduzione sostenibile del territorio attraverso una serie di indicazioni che mettono alla base delle scelte politiche, l’attenzione e la cura per l’ambiente.

 

Tra gli aspetti che vengono analizzati ci sono la qualità delle acque, la depurazione di quelle reflue, la gestione dei rifiuti, l'educazione e l'informazione ambientale e il turismo

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 marzo - 09:34

L’uscita è prevista per il prossimo 26 maggio, sulla piattaforma Netflix. Essendo Baggio originario di Vicenza la decisione di girare il film in Trentino aveva creato molta discussione 

05 marzo - 10:20

L'Azienda sanitaria altoatesina ha consegnato il referto di Cornel Strüning in Procura. L'uomo, un 63enne odontoiatra all'ospedale di Bressanone, è deceduto per un ictus dopo 3 settimane dalla conclusione del ciclo vaccinale. Il fatto è stato denunciato da un collega, che su facebook ha pubblicato un video in cui denuncia un nesso causale tra il vaccino e la sua morte

05 marzo - 05:01

Il tasso di contagio è oltre i 250 casi ogni 100 mila abitanti, l'intenzione della Pat è comunque quella di continuare con la scuola al 50% in presenza. I sindacati: "L'Apss ci ha dato ragione, un po' allarmati dalla velocità di propagazione del contagio, riconducibile alle varianti. Era metà febbraio e non abbiamo più sentito nessuno. C'è una lentezza preoccupante nell'affrontare le questioni, non siamo tranquilli"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato