Contenuto sponsorizzato

Un'aquila reale salvata nel Parco naturale Adamello Brenta

Lo splendido rapace non riusciva a volare. Un escursionista di Pinzolo l'ha notata e ha contattato i dipendenti del Parco. Loro l'hanno catturata e consegnata alla Lipu

L'aquila reale catturata
Pubblicato il - 17 gennaio 2017 - 19:41

ADAMELLO BRENTA. Era in difficoltà e non riusciva a prendere il volo. La sua presenza era stata segnalata agli uffici del Parco naturale Adamello Brenta da un escursionista di Pinzolo e in pochi attimi il grosso rapace era già stato catturato e consegnato agli operatori della Lipu. Il tutto è successo la sera del 12 gennaio. Protagonista dell'intervento una magnifica aquila reale. 

 

A recuperarla hanno provveduto due dipendenti del Settore Ricerca Scientifica - Educazione Ambientale del Parco naturale Adamello Brenta, Michele Zeni e Laura Nave, nell'area della Valchestria, non lontano da Sant'Antonio di Mavignola. L'aquila reale era in difficoltà e non riusciva a prendere il volo e una volta consegnata e analizzata dagli operatori della Lipu si è capito anche il perché. All'animale è stata, infatti, diagnosticata un'infezione batterica ad un artiglio di una zampa, che le ha causato un indebolimento graduale dell'arto a tal punto da non permetterle più di alzarsi in volo per procacciarsi il cibo.

 

L’animale ora è ospitato al Centro Recupero Fauna Selvatica di San Rocco a Trento. A curare il rapace è intervenuto il veterinario Diego Sebastiani di Trento. L'aquila non si trova nell'area visitabile al pubblico perché è un animale selvatico e la tranquillità, in questi casi, risulta essere fondamentale. Tra circa 10 giorni, al termine della cura antibiotica e con la speranza che l’animale torni rapidamente in salute, l’aquila sarà rimessa in libertà nella zona in cui è stata salvata.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 11:55

Il manifestarsi dei sintomi da Covid-19 nella famiglia di Nicola Canestrini ha portato l'avvocato a denunciare una situazione di disorganizzazione dell'Azienda sanitaria. Da giorni, infatti, le richieste di fare un tampone finiscono nel nulla, visto anche che a Rovereto non è possibile effettuarli a pagamento. "Disorganizzazione a marzo comprensibile, ora non più''

23 ottobre - 12:35

Sono numerosi gli utenti che stanno riscontrando problemi a navigare su internet e il blocco totale delle chiamate 

23 ottobre - 11:18

Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 10% perché i test eseguiti sono stati oltre 2.800. Dato in linea con quello rilevato ieri nel vicino Trentino dove, però, si contano molti più morti (dalla seconda ondata sono già 18 contro i 3 di Bolzano)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato