Contenuto sponsorizzato

Oscar 2018, dopo gli scandali vince la prevedibilità

Contano ancora poco le donne che -  nonostante le varie candidature - riescono a prendersi solo un Oscar, scontato, con ‘Tre manifesti’, appunto un film abbastanza prevedibile. Non prevedibili invece le elezioni in Italia che hanno messo in secondo piano, naturalmente, la notte degli Oscar
DAL BLOG
Di Alda Baglioni - 09 marzo 2018

Insegna arte al Bonporti con chaplin nel cuore

La scelta degli Oscar ha fatto i conti con il dopo scandalo Weinstein.

 

Ha vinto come miglior attrice Frances McDormand, la più incazzata, diciamolo, di tutte, che ne ha parlato sul palco facendo un inno alle donne. Nel film 'Tre manifesti a Ebbing, Missouri', lei la giustizia se la fa da sola. La figlia è stata uccisa e non c’è un colpevole. Il finale quasi pacifista calma gli animi. Un film che ci riporta ovviamente alla violenza di Fargo, dove lei con la grinta che la distingue, è dall’altra parte della barricata. 

 

Premiato con quattro Oscar (miglior film, regia, scenografia, colonna sonora), il più gettonato, un’altra storia d’amore. 'La forma dell’acqua' del messicano Guillermo Del Toro. Lei una donna muta, lui un personaggio indefinito acquatico con la forma umana, che s’incontrano in un laboratorio scientifico di Baltimora. Si viene coinvolti da una storia fantastica che parla d’amore. Una storia visionaria capace di convincere andando fuori dagli schemi della narrazione classica come il regista Del Toro sa fare.  

 

Ritirando il premio, dopo aver letto il suo nome sulla lettera consegnatagli da Warren Beatty (che lo scorso anno ha fatto una gaffe notevole sbagliando il premiato) Del Toro dice di essere un emigrato messicano che si riscatta grazie al cinema. Come dargli torto. 

 

Peccato per 'Il filo nascosto' di Paul Thomas Anderson e per 'Corpo ed anima' di Ildiko Enyedi. Dove le parole non contano. 

 

L’Italia vince il premio per  la sceneggiatura non originale di 'Chiamami col tuo nome' scritta da James Ivory, il novantenne più vecchio vincitore di Oscar che si presenta a ricevere il premio con una maglietta che ha come grafica il viso del protagonista del film.

 

Il lavoro è tratto dal romanzo di Andrè Acimav. Thimothee Chalamet, l’attore principale, un viso che farà strada, spacca lo schermo. Si muove bene e sa come trasmettere le sue emozioni. Un ragazzo totalmente preso dall’amore. Un amore trasgressivo che lui non  reprime e vuole andare fino in fondo. Rappresenta un diciassettenne colto, musicista, ha una famiglia che lo ama e lo sostiene.

 

Il regista Luca Guadagnino sa muovere la storia in un luogo scelto da lui aldilà del libro, siamo in una villa vicino Crema. La villa affascina con i suoi vani in comune, nascosti, il giardino, la grande cucina. Girato anche vicino Sirmione sul lago di Garda, si ritrovano reperti antichi da studiare e catalogare con l’archeologo ricercatore americano, attrazione fatale per il ragazzo, che è stato invitato per un periodo estivo dal padre  docente universitario. Lui ospita ricercatori ogni estate nella villa. La casa è un’eredità della moglie, probabilmente.  

 

Il film non vuole dare certezze e non vuole precisare il luogo in cui si svolgono le scene, ma tutto deve essere ai margini della storia che è una iniziazione all’amore. Con delusione finale. Infatti il film è interessante per un messaggio che supera l’essere gay per entrare nell’universo dell’innamoramento. Senza motivazioni ci coinvolge e ci rende fragili. C’è chi lo reprime, c’è chi ci sbatte contro per vivere fino in fondo una storia a volte tormentata. La colonna sonora è coinvolgente.

 

Contano ancora poco le donne che -  nonostante le varie candidature - riescono a prendersi solo un Oscar, scontato, con ‘Tre manifesti’, appunto un film abbastanza prevedibile. Non prevedibili invece le elezioni in Italia che hanno messo in secondo piano, naturalmente, la notte degli Oscar (Qui articolo 'Oscar 2018: 'La forma dell'acqua è il miglior film).  
 

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

04 aprile - 19:01

Si tratta di un gruppo di analisi di scenario e un gruppo tecnico operativo per mettere in campo misure concrete sul breve periodo per dare "ossigeno" a chi ne ha bisogno e impostare una manovra di medio-lungo periodo, che inizi a guardare al "dopo" quindi ad uno scenario che abbracci almeno i prossimi 12-24 mesi. Ecco chi sono i 15 nomi scelti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato