Contenuto sponsorizzato

Il Fersina, un torrente che fa acqua da tutte le parti

La carenza d'acqua nel tratto tra Canezza e Roncogno va avanti da anni. Una sottrazione d'acqua dovuta a varie ragioni. Ecco quali sono
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 24 dicembre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La carenza di acqua nel torrente Fersina che nasce nel gruppo del Lagorai e sfocia nell’Adige a sud di Trento si conosce da anni, almeno per quanto riguarda il tratto che va da Canezza alla roggia di Roncogno.

 

Leonardo Pontalti, ittiologo della Provincia di Trento, ritiene che la prima perdita d’acqua si debba attribuire alla condotta che alimenta la centrale elettrica di Canezza. Altra acqua si perde per infiltrazione nel materasso alluvionale che occupa l’intera piana perginese.

 

Una sottrazione d’acqua consistente va attribuita alla rete d’irrigazione gestita dal Consorzio irriguo di secondo grado che adotta ancora il sistema di erogazione sovra chioma. L’impianto sarà prossimamente trasformato a goccia.

 

Non è economicamente sostenibile, dice l’ittiologo, raccogliere trote con l’elettropesca e trasportarle a valle come si è fatto finora. La roggia che scende da Roncogno ripristina parzialmente il volume d’acqua che scende verso la foce. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 04:01

Lo studio esclusivo condotto da 4 università (fra cui Trento) e dal Policlinico San Matteo di Pavia mostra cosa accadrà se le misure dell’ultimo Dpcm non dovessero frenare i contagi: “La crescita esponenziale dei positivi trascinerà con sé quella delle terapie intensive e dei decessi, le strutture sanitarie saranno messe in ginocchio

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 36.437 nuovi casi e 244 decessi. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato