Contenuto sponsorizzato

Cadono massi, evacuata una famiglia a Mezzolombardo, la via chiude dieci giorni

Neve, pioggia e gelo di questi giorni avrebbero causato un cedimento e la caduta di alcuni massi dalla parete rocciosa in località Rupe. L'amministrazione comunale procederà con somma urgenza 

 

Di Luca Andreazza - 13 December 2017 - 19:25

MEZZOLOMBARDO. Resterà chiusa per una decina di giorni via Trento a Mezzolombardo. Questa mattina si è verificata una caduta massi in località Rupe che ha colpito un deposito nel giardino di un'abitazione. Un uomo e una donna sono stati evacuati dalla propria casa e saranno ospitati dalla figlia a Cavedago per ovvie ragioni di sicurezza.

 

Neve, pioggia e gelo di questi giorni avrebbero causato un cedimento e la caduta di alcuni massi dalla parete rocciosa. 

 

Crollo massi dalla parete rocciosa

Immediatamente si sono attivati i vigili del fuoco volontari di Mezzolombardo per circoscrivere l'area e l'amministrazione comunale per effettuare i rilievi del caso, le verifiche statiche e mettere in sicurezza la zona.

 

"Il geologo - spiega il primo cittadino Christian Girardi - ha effettuato alcuni disgaggi, ma è necessario completare alcuni interventi in parete e si procederà con somma urgenza. Fortunatamente non ci sono feriti e sono limitati anche i danni all'edificio. Abbiamo già avvertito tutte le autorità competenti".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 March - 19:40

C'è la firma sul nuovo Dpcm, il primo del premier Draghi, che entra in vigore dal 7 marzo al 6 aprile, Pasqua inclusa. Un'altra novità riguarda cinema e teatri. "Dal 27 marzo sarà possibile con una prenotazione online, tornare a frequentare i luoghi della cultura"

02 March - 18:09

Oggi la seconda udienza del processo per il terribile femminicidio di Eleonora Perraro avvenuto i primi di settembre 2019. La sorella della vittima parlerà il 30 e scrive a il Dolomiti: ''Le cose cambieranno quando la forma mentis di questa società individualista e menefreghista cambierà. Ripartiamo dalle scuole e dalla comunicazione che deve essere più precisa e puntale per le vittime e i loro familiari''

02 March - 18:05

In una provincia, quella di Brescia, già abbastanza colpita dal virus è stata individuata la presenza della variante nigeriana. Grande preoccupazione tra i virologi, che ancora non sanno quanto sia contagiosa e se vanifichi l'effetto dei vaccini

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato