Contenuto sponsorizzato

Continua l'impegno della Protezione civile trentina a Brescello

Tante le persone soccorse a causa dell'esondazione del fiume Enza. Gli abitanti cominciano, inoltre, a rioccupare le proprie abitazioni, anche se mancano ancora acqua e luce. A questo si aggiunge che gli impianti fognari sono fuori uso

Pubblicato il - 13 dicembre 2017 - 20:21

BRESCELLO. L'impegno della Protezione civile trentina non conosce soste, i soccorsi si trovano attualmente nella zona di Lentigione nel Comune di Brescello, colpito dall'esondazione del fiume Enza. 

 

La Provincia ha inviato, infatti, nella giornata di martedì 12 dicembre un mezzo anfibio e quattro persone di equipaggio e la situazione è decisamente migliorata: non si registrano più esondazioni lungo l'argine e anche l'acqua presente in paese sta lentamente defluendo.

 

Le persone cominciano, inoltre, a rioccupare le proprie abitazioni, anche se mancano ancora acqua e luce. A questo si aggiunge che gli impianti fognari sono fuori uso.

 

Il personale della Protezione civile trentina ha trasportato dalle zone alluvionate, nel centro del paese, al punto di raccolta allestito dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco oltre 60 persone. Diverse soprattutto le persone anziane soccorse.

 

La Protezione civile a Brescello

La protezione civile del Trentino ha risposto alla richiesta di supporto del Dipartimento nazionale e, su indicazione del presidente Ugo Rossi e dell’assessore Tiziano Mellarini, ha inviato in Emilia Romagna un mezzo anfibio e quattro persone di equipaggio.

 

La missione durerà qualche giorno, fino a che l’emergenza non sarà terminata. Nel frattempo sul posto sta ancora operando il personale del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco con l’ausilio di elicotteri.

 

"L'impegno di chi si adopera per gli altri ci è particolarmente caro - commenta l'assessore Tiziano Mellarini - . Ancora una volta il Trentino c'è là dove è utile il suo aiuto. E continuerà ad esserci".

 

L’intervento in Emilia è coordinato dal Servizio Prevenzione rischi della Provincia di Trento, che segue costantemente l’evolversi della situazione. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 17:44

L'approfondimento tecnico si è concluso, forse proprio quando è arrivato anche il ricorso del Codacons. L'associazione per la difesa dell'ambiente e tutela dei diritti di utenti e consumatori ha presentato al Tar di Trento, tramite l'avvocato Zero Perinelli, un ricorso contro la norma provinciale. La Pat: "Evitare disparità di trattamento tra gli esercizi commerciali"

29 settembre - 13:50

Bocciato uno dei provvedimenti bandiera della Giunta Fugatti, il tribunale condanna Pat e Comune di Trento a disapplicare la norma sulle case Itea. Gli avvocati: “Per il Trentino è un primo passo molto importante per rimuovere le norme introdotte dalla Provincia negli ultimi anni in materia di welfare che hanno determinato effetti gravissimi di esclusione in danno degli stranieri”

29 settembre - 13:20

Mentre è di questi giorni la notizia che il ministero della salute sta per dare indicazione di usare i test antigenici (con esito a 20/30 minuti) nelle scuole e nel Lazio sono già partiti da ieri (il Veneto è pronto a farlo) in Trentino da settimane ci si vanta dei tanti tamponi che si fanno (salvo poi ieri uscire con 200 tamponi in 24 ore) ma ora con il cambio di stagione quei numeri non possono bastare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato