Contenuto sponsorizzato

Notte di lavoro per i pompieri di Ravina e Sardagna, spento un incendio boschivo

L'allarme è scattato intorno alle 3 in una zona particolarmente impervia a Costa San Nicolò di Ravina che si è sviluppato sulla verticale del cimitero di Sardagna.
FOTO E VIDEO ALL'INTERNO

Di Luca Andreazza - 30 October 2017 - 13:47

RAVINA. Notte di lavoro, quella tra domenica e lunedì, per i vigili del fuoco volontari di Ravina e Sardagna a causa di un incendio boschivo, probabilmente di origine dolosa, in località Costa San Nicolò di Ravina che si è sviluppato sulla verticale del cimitero di Sardagna.

 

L'allarme è scattato intorno alle 3 e i pompieri di Ravina, supportati dalle luci fotoelettrice in dotazione al corpo, si sono immediatamente portati sul posto e hanno iniziato a spegnere le fiamme divampate nel bosco.

 

La zona però si presenta particolarmente impervia e difficile da raggiungere, circa 150 metri di parete a strapiombo, tanto che il pompaggio dell'acqua non era ottimale. Dopo un primo intervento di diverse ore, per concludere le operazioni, i vigili del fuoco di Ravina hanno quindi allertato, intorno alle 6, il corpo di Sardagna che hanno fatto cadere l'acqua verso valle creando un effetto pioggia che ha spento gli ultimi focolai.

Incendio boschivo a Ravina

 

Le operazioni si sono concluse intorno alle 10 di questa mattina e i pompieri sono ancora operativi per la messa in sicurezza e la bonifica definitiva dell'area.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 December - 12:58

L’appello contro le “liberalizzazioni” volute da Fugatti, parte la campagna “Io la mascherina non la tolgo”. La denuncia: “Sono rimasta esterrefatta quando ho saputo che avrebbero allentato le restrizioni, eliminando l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto. È come dire a tutte le persone più deboli di arrangiarsi''

03 December - 12:42

Quanto successo ieri non è uno strappo con Roma ma un atto che la regione avrebbe voluto porre in essere mesi fa ma che non ha potuto fare perché il consiglio era sciolto fino a metà ottobre. Di fatto è stata votata una legge per prendere provvedimenti come ha fatto Bolzano nella Fase-2 e a fine ottobre quando prima ha provato a tenere i bar e ristoranti aperti e poi si è autoproclamata zona rossa. E' un modo di gestire l'autonomia diverso da quello di Trento che non ha mai legiferato in materia e va avanti a ordinanze facilmente sospendibili come successo a fine ottobre

03 December - 11:36

A Capodanno coprifuoco più lungo. Ristoranti e bar possono aprire a pranzo a Natale, Santo Stefano, Capodanno e Epifania. Orario più lungo per i negozi. La cena dell'ultimo dell'anno può essere consumata solo in camera negli hotel

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato