Contenuto sponsorizzato

500 litri di succo di mela sotto sequestro. L'accusa: ''Alla Prantil violazione norme igienico-sanitarie''

Dopo la segnalazione dell'Ufficio igiane si sono mossi i Nas su ordine della Procura. Nel mirino l'acqua utilizzata per la produzione e i locali sporchi

Pubblicato il - 16 febbraio 2018 - 10:50

MEZZOLOMBARDO. Il carabinieri del Nas hanno messo i sigilli sugli impianti di lavorazione alla ditta Prantil che nella Rotaliana produce succo di mela e snack a base di mele essiccate. L'iniziativa dopo la segnalazione dell'Ufficio igiene che nel dicembre scorso aveva riscontrato irregolarità.

 

Sotto la lente l'acqua usata per la produzione, che risulterebbe provenire da un pozzo anziché dall'acquedotto pubblico. Un approvvigionamento dubbio, senza certificazioni di potabilità. Rilievi anche sull'igiene degli ambienti di lavoro. 

 

In seguito a queste segnalazioni l'azienda avrebbe dovuto mettere in regola lo stabilimento, ma in una successiva ispezione tutto rimaneva invariato e la ditta aveva continuato a produrre succhi e snack senza apportare le modifiche richieste dall'Ufficio igiene. 

 

Per questo si sono mossi i Nas, su ordine della Procura che ha aperto un fascicolo. Il proprietario è ora indagato per mancato rispetto delle norme igieniche sanitarie e mancata osservanza di un ordine amministrativo. 

 

Sono stati sequestrati:50 mila litri di succo sfuso, tutti i macchinari, tre mila litri di succo imbottigliato, e 500 chili di mele. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 20:51

Sono 446 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 219 positivi a fronte dell'analisi di 3.955 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

28 novembre - 22:40

Il conducente di 22 anni di Caderzone Terme ha improvvisamente perso il controllo del mezzo per finire contro alcuni alberi a lato strada e poi cappottarsi. Una 15enne è morta sul colpo, gravi gli occupanti dell'abitacolo

28 novembre - 20:00

A livello territoriale, attualmente non ci sono Comuni che entrano in zona rossa, mentre per Castello Tesino, Baselga di Pinè e Bedollo le stringenti limitazioni sono agli sgoccioli. Fugatti: "C'è qualche caso ma sono territori ben sotto i mille abitanti e quindi li prendiamo in considerazione perché contagio è circoscritto"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato