Contenuto sponsorizzato

Al sole, su un portabici, legato con cinghie elastiche. Il pericoloso viaggio di un cagnolino in A22

La Jeep con targa italiana è stata fotografata questa mattina all'altezza di Rovereto Sud sull'autostrada del Brennero. Il caso segnalato alla polizia stradale

Foto Bz News 24
Di L.P. - 26 agosto 2018 - 18:33

ROVERETO. Esposto al sole, agganciato al retro della macchina con cinghie elastiche e con ''vista'' sulla lingua d'asfalto che scivolava a grande velocità sotto il suo trasportino. Questo povero cagnolino è stato fotografato in queste condizioni, questa mattina, intorno alle 11.30, all'altezza di Rovereto Sud da alcune persone che viaggiavano dietro la Jeep in questione. Targa italiana, carrozzeria color nero, era diretta verso nord e si trovava sull'A22.

 

Subito è stata avvisata la polizia stradale perché la gabbia agganciata con due cinghie a quello che pare essere un portabiciclette non sembrava minimamente a norma. Esistono, va detto, i trasportini portacani da esterno (modelli Towbox) che si fissano al gancio del mezzo. Sono però chiusi, non espongono il cane al sole per tutto il viaggio come accade in questo caso e per circolare necessitano della segnalazione di carico sporgente V20.

 

 

Il caso in oggetto, invece, è davvero al limite del maltrattamento. Il cagnolino è ''a vista'' sull'asfalto, non è protetto dal sole (e infatti in questa foto cerca di ripararsi schiacciandosi su un bordo) e da nessuna intemperie ed è esposto a grande stress emotivo tra sorpassi, auto che si avvicinano e camion.

 

 

Insomma una situazione pericolosa per l'animale e anche per gli altri automobilisti che mai si aspetterebbero di trovare un povero cagnolino trattato come un soprammobile troppo ingombrante impacchettato alla bene meglio sul retro della macchina.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato