Contenuto sponsorizzato

Alla domanda ''Scherzetto o dolcetto?'' picchia la mamma. Un 60enne finisce davanti al giudice

L'uomo è finito a processo per lesioni. La vicenda è avvenuta  nel quartiere di Madonna Bianca. La donna, dopo l'aggressione, è dovuta ricorrere alle cure del pronto soccorso 

Pubblicato il - 28 settembre 2018 - 09:06

TRENTO. “Dolcetto o scherzetto?” è la tipica domanda della sera di Halloween dove i bambini, e non solo, girano per le case vestiti con costumi “spaventosi” bussando le porte e cercando di ottenere qualche leccornia.

 

Così, però, non è stato durante Halloween di due anni fa che per una donna si è trasformato in una serata davvero drammatica. Presa per il collo e poi anche a calci e pugni. Il tutto è successo a Madonna Bianca. L'aggressore è un uomo di 50 anni che è stato denunciato per la reazione violenta ed ora dovrà risponderne davanti al giudice.

 

La donna, assieme ai suoi tre bambini, nella sera del 30 ottobre di due anni fa, stava girando di casa in casa. La domanda che i bambini facevano a tutti era “dolcetto o scherzetto?” ricevendo sorrisi e dolciumi. Ad un certo punto, però, ad aprire la porta è stato un uomo che ha subito iniziato ad aggredire verbalmente la donna e poi, subito dopo, l'ha presa per il collo e aggredendola fisicamente spingendola dentro l'ascensore con calci e pugni.

 

I bambini e la donna sono scappati e quest'ultima si è fatta poi medicare le ferite al pronto soccorso. In un primo momento, dopo la denuncia, l'aggressore ha offerto 300 euro per chiudere la vicenda ma sono stati rifiutati. In una seconda offerta si è arrivati a 500 ma, questa volta, è stato il giudice a considerare non congrua la somma. La prossima udienza è fissata per l'inizio del 2019.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato