Contenuto sponsorizzato

Arrestato per droga, scoperto dai carabinieri intervenuti su richiesta dei vicini: teneva la musica troppo alta in casa

I condomini si erano lamentati per ilo volume dello stereo ma non voleva abbassarlo. I carabinieri hanno subito sentito odore di 'fumo' ed è scattata la perquisizione: 120 grammi di sostanza e soldi che per i militari sono 'proventi dello spaccio'

Pubblicato il - 09 September 2018 - 10:20

TRENTO. Voleva ascoltare musica, peccato che la 'imponeva' anche a tutto il vicinato tenendo il volume altissimo. I condomini in un primo momento sono riusciti a fargli abbassare lo stereo a forza di battere con la scopa al piano superiore. Ma poi di nuovo, ancora a volume assordante. Da qui la decisione dei vicini di chiamare i carabinieri che sono intervenuti e hanno arrestato un 39enne.

 

Ma non si arresta nessuno per 'musica a tutto volume'. Le manette sono scattate perché i militari, una volta arrivati sulla porta dell'abitazione dell'uomo, si sono accorti che oltre all'odore di alcol proveniva dall'interno anche l'incofondibile odore di 'fumo'. Scattata la perquisizione personale e domiciliare, i carabinieri trovano 120 grammi di hashish, insieme al materiale ritenuto idoneo al confezionamento ed ad una somma contante ritenuta provento di spaccio.

 

Lo stereo è stato definitivamente spento e il 39enne portato in caserma dove dovrà attendere di essere condotto davanti all’Autorità Giudiziaria per rispondere del reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 February - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 February - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 February - 20:01

E' situata all’ospedale riabilitativo “Villa Rosa” di Pergine Valsugana e dispone di 14 posti letto, 1 palestra, 2 piscine, 1 laboratorio di analisi del movimento, 1 centro di valutazione domotica e addestramento ausili e 1 sezione dedicata alla riabilitazione robotica. Ecco in cosa consiste il centro e di cosa si occuperà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato