Contenuto sponsorizzato

Borgo Panigale, esplode un'autocisterna e prendono fuoco due concessionarie di automobili: due morti e più di 60 feriti (molti carabinieri)

Questo pomeriggio l'apocalisse sulla A14 all'altezza del raccordo di Casalecchio-Borgo Panigale. Prima l'esplosione di un tir poi di una serie di auto a catena e il crollo di un ponte

Pubblicato il - 06 agosto 2018 - 17:06

BOLOGNA. Prima si è alzata una colonna di fumo, poi le fiamme e alla fine l'esplosione, violentissima, avvertita in buona parte della zona con i vetri di molte abitazioni che sono andate in frantumi. E il bilancio è tragico e purtroppo ancora provvisorio: 2 morti accertati e oltre 65 feriti, di cui una quindicina gravi e tra i feriti anche undici carabinieri e due poliziotti che stavano dirigendo il traffico e gestendo la situazione dopo un precedente incidente.

 

 

 

 

Dalle prime ricostruzioni intorno alle 14, infatti, ci sarebbe stato un incidente sul raccordo autostradale di Borgo Panigale. Coinvolto un camion cisterna carico di materiale infiammabile. Le fiamme lo hanno avvolto e dopo poco è arrivata l'esplosione terribile e potentissima.

 

 

 

 

 

Una detonazione che ha spinto il fuoco in tutte le direzioni andando a colpire anche due concessionarie di automobili. A quel punto è stato l'inferno: un'esplosione dietro l'altra delle auto parcheggiate fra via Emilia e via Caduti di Amola sotto un ponte della tangenziale.

 

 

 

 

L'A14 è stata chiusa e sul posto si sono portati i soccorsi, le forze dell'ordine e o vigili del fuoco. Il Comune ha lanciato l'appello "usate le auto solo se necessario" nella zona tra via Saffi e Borgo Panigale. Il traffico è completamente paralizzato.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 giugno - 20:29

Il decesso è avvenuto a Campitello di Fassa, un lutto che ha scosso la comunità. Ci sono 5.438 casi e 468 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 611 per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,16%

04 giugno - 19:59

La motivazione usata dal presidente per i market è che le persone ormai si sarebbero disabituate a fare la spesa la domenica. Ma se il tema è certamente affrontabile (anche i sindacati chiedono le chiusure) richiede analisi e spiegazioni un po' più approfondite perché avrà ricadute in termini economici, occupazionali e di qualità dei servizi. Sulle mascherine per ora resta l'obbligo

04 giugno - 19:07
Complessivamente ci sono 5.438 casi e 468 morti legati a Covid-19 da inizio epidemia. I tamponi analizzati sono stati 611 per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,16%
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato