Contenuto sponsorizzato

Boschi e Berlusconi nello stesso albergo: tutti e due al Palace di Merano

Il luogo, meta di molti vip che per qualche giorno vogliono farsi coccolare dal lusso e dalle cure del 'mago delle diete', è un albergo di classe per chi vuole vivere in riservatezza la propria vacanza. Berlusconi è un habitué mentre per l'ex sottosegretaria di Renzi sarebbe la prima volta

Pubblicato il - 27 giugno 2018 - 11:05

MERANO. Hanno scelto lo stesso albergo, ma non è chiaro se i periodi di relax di Silvio Berlusconi e di Elena Boschi saranno coincidenti. Si sa solo che entrambi, per una breve vacanza, saranno ospiti dell'Hotel Palace di Henri Chenot.

 

Il luogo, meta di molti vip che per qualche giorno vogliono farsi coccolare dal lusso e dalle cure del 'mago delle diete', è un albergo di classe per chi vuole vivere in riservatezza la propria vacanza. Berlusconi è un habitué mentre per l'ex sottosegretaria di Renzi sarebbe la prima volta. 

 

La deputata è stata eletta in Alto Adige, e la scelta delle vacanze a Merano ha forse a che fare con la promessa di 'stare sul territorio'.  La scelta di Berlusconi è invece una conferma: più volte ha soggiornato nel rinomato hotel, anche per la riservatezza che viene garantita.

 

Anche Giulio Andreotti era un ospite fisso, quando il Palace non era ancora gestito da Chenot, ma era semplicemente un albergo di classe per persone in cerca di privacy. Con l'arrivo del francese di origine catalane, che oggi ha 75 anni, sono arrivati anche i vip del mondo dello spettacolo e dello sport.
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

14 dicembre - 19:51

Si tratta di un uomo di 53 anni di Zambana. Faceva parte di un gruppo di tre persone. I soccorritori sono riusciti ad individuarlo e dopo averlo estratto da sotto la neve, in stato iniziale di ipotermia, è stato trasportato a Merano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato