Contenuto sponsorizzato

Bruno Paoli, aperta un'inchiesta per l'incidente mortale sulla Panarotta

La società impianti sotto accusa per la mancanza delle reti di protezione. Domani il funerale del poliziotto, i suoi organi sono stati donati

Pubblicato il - 24 gennaio 2018 - 12:47

PERGINE. La procura ha aperto un'inchiesta sulla morte di Bruno Paoli. L'apertura del fascicolo è una pressi in questi casi, e l'ipotesi è quella di omicidio colposo. Nel mirino finisce l'assenza delle reti di protezione e la pista è stata posta sotto sequestro.

 

La pista, classificata come blu (livello di difficoltà basso), è un raccordo di collegamento. Un tracciato che però presenterebbe delle insidie: nonostante il poliziotto fosse uno sciatore esperto, Paoli ha perso il controllo per precipitare nella scarpata e impattare contro roccia e alberi. 

 

Questo però non sarebbe l'unico episodio, già sette anni fa si è verificato un incidente analogo e un ragazzo di 16 anni è finito nel dirupo riportando gravi ferite e lesioni. In quel caso l'assicurazione della società impianti risarcì il giovane e la questione finì lì.

 

In sette anni però nessuno avrebbe messo in sicurezza la pista: nessuna rete protettiva che avrebbe potuto salvare la vita a Paoli e nel registro degli indagati è finito un membro del consiglio d'amministrazione della società impianti Panarotta 2002, probabilmente il responsabile della sicurezza.

Un atto dovuto che non è sinonimo di colpevolezza, ma semplicemente tutela e garantisce l'indagato che può nominare così un avvocato e partecipare con propri consulenti alle attività di indagine, come l'autopsia, ordinata per escludere improvvisi malori tra le cause del tragico incidente, mentre l'esatta dinamica è ancora al vaglio.

 

Indagini che coinvolgono anche il corpo della forestale, che hanno effettuato i rilievi sulla pista e sono impegnati nella verifica del rispetto delle prescrizioni di sicurezza: la pista è classificata come facile, ma costeggia un dirupo e le reti sicuramente mancano.

 

Secondo gli inquirenti non mancherebbero le segnalazioni alla società impianti di mettere in sicurezza la pista in diversi tratti tra la forestale e il servizio turismo della Provincia, che ha omologato il tracciato. 

 

In attesa degli eventuali sviluppi giudiziari, domani è previsto il funerale di Paoli, gli organi del quale sono stati donati, alle 14.30 nella chiesa parrocchiale di Sant'Orsola.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato