Contenuto sponsorizzato

Calo dei migranti nei centri di accoglienza e decreto dignità, 44 operatori della Croce Rossa entro fine anno rimarranno a casa

La Croce Rossa ha aperto una selezione di 24 nuovi operatori ma entro fine anno in 44 rimarranno a casa a causa del decreto dignità, del blocco delle attività nei centri di accoglienza e del calo dei migranti 

Di Giuseppe Fin - 18 dicembre 2018 - 21:17

TRENTO. Gli effetti del decreto sicurezza con il blocco di diverse attività nei centri di accoglienza a partire dai corsi d'italiano e al supporto psicologico e sociale per i migranti, le regole del decreto dignità e in parte la diminuzione anche degli arrivi nei centri, si stanno facendo sentire sempre di più anche in Trentino. A dimostrarlo è la situazione che sta vivendo la Croce Rossa che entro fine anno vedrà ridursi non di poco il proprio personale.

 

A specificarlo è il coordinamento provinciale della Cri in merito alle notizie diffuse in questi giorni sulla decisione dell'organizzazione di avviare una selezione di personale per l'assunzione di 24 operatori.

 

I numeri non devono ingannare perché l'apertura della procedura di selezione di 24 nuovi operatori avviene a fronte di oltre 40 persone che fino ad oggi hanno lavorato per la Croce Rossa ma che non vedranno il proprio contratto rinnovarsi. Questo per diversi motivi, dall'impossibilità di rinnovo del contratto a tempo indeterminato all'impossibilità di portare avanti progetti nell'ambito dell'accoglienza

 

“Il livello occupazionale nella Cri del Trentino, relativamente all’assistenza migranti – è stato spiegato in una nota - sta subendo, alla pari degli altri enti impegnati nel settore, un netto ridimensionamento collegato alla riduzione degli arrivi: il primo settembre è calato di dieci unità e a fine anno, in base alle nuove disposizioni di legge introdotte dal “Decreto dignità” e secondo quanto stabilito dal Contratto collettivo nazionale Anpas, cesseranno i contratti a tempo determinato di 34 operatori”.

 

Gli operatori della Croce Rossa, infatti, vengono selezionati e assunti in base a progetti per i quali sono poi impegnati. I 44 operatori che a fine anno non avranno più l'attuale contratto sono stati impegnati nell'ambito dei progetti di accoglienza. Su di loro è avvenuto anche un investimento in termini formativi che ora rischia di andare completamente perso.

 

“E’ evidente – ha spiegato il coordinatore della Croce Rossa, Alessandro Brunialti - che la selezione di ventiquattro operatori, a fronte della cessazione di quarantaquattro posizioni lavorative, rappresenta un passaggio obbligato per garantire la continuità dei servizi attualmente in essere”.

 

L’impegno di Croce rossa, continua “come sempre avvenuto in occasione di assunzione di nuovi incarichi o modifiche di quelli in essere, è quello di assicurare la qualità del servizio con l’impiego di operatori in possesso delle necessarie competenze”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 giugno - 09:50

L'iniziativa rivolta a tutti i cittadini che soffrono il caldo e possono trovare un po' di fresco nei locali che il corpo di Arco ha deciso di mettere a disposizione. Il comandante Bonamico: "E' il terzo anno che apriamo le porte della caserma per aiutare chi soffre il caldo ed è un modo per stare sempre vicini alla comunità"

25 giugno - 06:01

Il post di uno studente sulla pagina Facebook ''Spotted: Unitn'' ha aperto il dibattito sulla questione delle ''carriere alias''. La prorettrice Poggio: ''“L'Università di Trento è stata tra i primi atenei in Italia ad adottare una procedura per il rilascio del 'doppio libretto' per gli studenti o le studentesse in transizione di genere ma con il passaggio al libretto elettronico si sono avuti problemi''

25 giugno - 08:22

E' stato portato all'ospedale Santa Chiara dove si sta riprendendo. I carabinieri hanno avviato le indagini per ricostruire quello che è successo e cercare di individuare l'autore dell'accoltellamento. La rissa con una decina di persone è scoppiata domenica mattina 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato