Contenuto sponsorizzato

''C'è un medico a bordo?'', malore sul regionale Bolzano-Verona. Treno fermo ad Ora, disagi sulla linea

Intorno alle 16.30 l'annuncio dello speaker del convoglio: ''Se c'è un medico si porti nella carrozza centrale''. I passeggeri sono stati invitati a scendere e a salire sul regionale successivo

Pubblicato il - 24 novembre 2018 - 16:45

ORA. ''C'è a bordo un medico? Se si si porti urgentemente nel vagone centrale''. Questo lo speaker del treno regionale Bolzano - Verona che intorno alle 16.30 si è fermato alla stazione di Ora. La ragione, un intervento medico urgente a bordo del convoglio. Una donna ha avvertito un grave malore e subito l'intera carrozza del treno 10981 si è mobilitata per soccorrerla.

 

 

Il capotreno ha chiesto se a bordo ci fosse un medico o qualcuno capace di soccorrere la signora e intanto ha allertato i soccorsi che sono arrivati sia via terra che dal cielo in elicottero. Il treno è stato fatto fermare alla stazione di Ora e ha cominciato ad accumulare minuti su minuti di ritardo, tanto che ai passeggeri è stato consigliato di scendere e prendere il regionale successivo.

 

 

I sanitari, nel frattempo, sono saliti sul convoglio e hanno soccorso la donna che è stata fatta scendere (fortunatamente è riuscita ad alzarsi e, sorretta dai sanitari, a camminare con loro) per poi portarla all'ospedale di Bolzano. Disagi e qualche ritardo su tutta la linea con il binario 1 della stazione che è rimasto inutilizzabile per oltre mezzora.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 16:33

Il punto vendita sarà aperto in piazza Venezia 12 la prossima settimana. All'interno si potranno trovare formaggi, ortaggi ma anche un punto lettura e tanto altro

02 giugno - 11:33

In quarantena ci sono 282 persone e sono finora 10.934 i cittadini ai quali sono state imposte misure di isolamento

02 giugno - 06:01

Ci sono date che incarnano più di altre i passaggi decisivi della storia di un Paese. Il 2 giugno 1946 ha per una famiglia roveretana una doppia valenza, legata alla vicenda di un fante partito per la guerra in Africa settentrionale, caduto prigioniero degli inglesi e ritornato in patria proprio quando c'era da decidere tra "Repubblica" e "Monarchia". Riabbracciati i propri cari, Aldo Farinati non avrebbe avuto dubbi su cosa votare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato