Contenuto sponsorizzato

Cede il terreno e precipita per oltre 250 metri. Muore un alpinista, salvati i tre compagni di scalata

I quattro stavano scendendo dal monte Cevedale quando in due sono caduti. Uno si è fermato dopo 5 metri. Per l'altro non c'è stato niente da fare

Pubblicato il - 27 agosto 2018 - 19:20

BOLZANO. Ha ceduto il terreno e due dei quattro alpinisti tedeschi che stavano discendendo dal monte Cevedale, in Alta Val Martello sono precipitati nel vuoto. Uno dei due, fortunatamente, si è fermato dopo una breve caduta di circa 5 metri. L'altro, invece, è sprofondato lungo la parete nord e poi in un crepaccio.

 

Un volo terribile di oltre 250 metri che gli è stato fatale. Si è consumata l'ennesima tragedia della montagna questo pomeriggio intorno alle 13 sul monte che raggiunge quota 3.757 metri. Un uomo, un turista di 55 anni originario della Sassonia è morto e gli altri tre sono stati recuperati dal soccorso alpino. 

 

Dopo breve ricerca dall’alto anche lo sfortunato alpinista precipitato per oltre 250 metri è stato avvistato dall’equipaggio dell’elicottero Pelikan1, il quale ha immediatamente provveduto a calare nel crepaccio, per mezzo del verricello, un operatore del soccorso. Una volta recuperata la salma il medico non ha potuto far altro che constatarne l’avvenuto decesso.

 

Sul posto ha operato la squadra del Soccorso Alpino Cnsas Val Martello supportata dagli uomini del Bergrettungsdienst dell'Alpenverein Südtirol locale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 febbraio - 20:01

E' situata all’ospedale riabilitativo “Villa Rosa” di Pergine Valsugana e dispone di 14 posti letto, 1 palestra, 2 piscine, 1 laboratorio di analisi del movimento, 1 centro di valutazione domotica e addestramento ausili e 1 sezione dedicata alla riabilitazione robotica. Ecco in cosa consiste il centro e di cosa si occuperà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato