Contenuto sponsorizzato

Cinque morti assiderati sulle Alpi svizzere. Quattro italiani, tre sono altoatesini

La tragedia tra domenica e lunedì a 3 mila metri di altitudine. Le vittime Marcello Alberti, la moglie Gabriella Bernardi ed Elisabetta Polucci

Pubblicato il - 01 maggio 2018 - 11:05

BOLZANO. Sono 5 i morti della tragedia avvenuta sulle Alpi svizzzere, e almeno 4 sono italiani, tre sono altoatesini. Uno dei feriti è morto nelle ultime ore in ospedale. Altre quattro persone sono in gravi condizioni. Tra le vittime anche la guida alpina della spedizione, Marco Castiglioni di Como.

 

La morte sarebbe avvenuta per assideramento. Una tempesta di neve avrebbe colto di sorpresa il gruppo di 14 alpinisti italiani, francesi e tedeschi che stava affrontando la Haute Route Chamonix-Zermatt. Una tempesta che avrebbe impedito di raggiungere il rifugio a 3.157 metri di altitudine tra la Pigne d'Arolla e il monte Collon

 

La notte all'addiaccio con temperature sotto lo zero è stata però fatale. Tra le persone decedute anche Marcello Alberti, Gabriella Bernardi, marito e moglie di 53 anni, ed Elisabetta Paolucci di 45 anni. Persone legate al mondo dell'alpinismo bolzanino. Di Tommaso Piccoli, amico dei bolzanini e formatosi al Cai di Bolzano, non si hanno per ora notizie.

 

Le ricerche sono partite lunedì mattina, riuscendo a localizzare il gruppo ormai in stato di ipotermia. Quattro alpinisti morti, cinque in gravi condizioni. Di questi uno è deceduto in ospedale. Mobilitati sette elicotteri con medici e guide alpine per i soccorsi. 

 

Elisabetta Paolucci era figlia d'arte, anche lei insegnante come il padre il padre, Mario Paolucci. Marcello Alberti era un noto commercialista. La moglie invece lavorava come manager alla Thun, responsabile delle risorse umane. Da tempo i tre parlavano dell'escursione sull'alta via Chamonix-Zermatt.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato