Contenuto sponsorizzato

Corriera piena di studenti centra un grosso cervo, paura a bordo ma nessun ferito

L'animale è deceduto poco dopo l'impatto, la carcassa trovata dalla forestale nel bosco . E' successo sulla linea tra Tione e Ponte Arche verso le 7.30 di questa mattina

Pubblicato il - 26 ottobre 2018 - 13:06

TIONE. Lo scontro è avvenuto verso le 7.30 sulla strada che da Tione porta a Ponte Arche, all'uscita dalla galleria. Una corriera di linea di Trentino Trasporti carica di una cinquantina di studenti ha centrato un grosso cervo che poco dopo l'impatto è deceduto.

 

Nessun ferito tra le persone a bordo del mezzo, nemmeno l'autista che si è visto l'animale piombargli addosso e frantumare il parabrezza. Il cervo è comunque riuscito a scappare ma poco dopo, nel bosco, si è accasciato a terra. Successivamente, la carcassa è stata recuperata dalla Forestale

 

I passeggeri erano soprattutto studenti diretti a scuola. Per continuare la corsa hanno dovuto aspettare un mezzo sostitutivo inviato da Trentino Trasporti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 11:23

Nelle ultime 24 ore sono stati individuati 547 positivi in un solo giorno, il rapporto contagi/tamponi schizza al 17,65%. Quasi 8.300 persone in isolamento. Purtroppo si contano anche 4 vittime legate al coronavirus

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:31

In Italia ci sono 11 Regioni classificate a rischio elevato, mentre Calabria, Lombardia, Piemonte e la provincia di Bolzano sono già entrate nello “scenario 4”, il peggiore. L’esperto del Ministero: “La percentuale dei positivi sui tamponi effettuati supera il 10% e non è un buon indicatore”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato