Contenuto sponsorizzato

Dal disastro riemergono due capitelli ancora in piedi. Il Fai Val di Fassa e Fiemme: ''Dei simboli dai quali ripartire''

I due capitelli si trovano uno a Forno e l'altro sul Giro delle Malghe e sono riapparsi tra gli alberi abbattuti e i rami spezzati. Daprà: ''Vengono realizzati per proteggere i boschi e chi li frequenta e qui in Val di Fassa in particolare servivano a proteggere i lavoratori delle foreste, i boscaioli''

Di Luca Pianesi - 02 November 2018 - 17:45

MOENA. Nel disastro generale qualcosa si è salvato. Qualcosa di simbolico, dall'alto valore spirituale ed è da lì che le comunità ripartiranno. Tra gli alberi abbattuti della Val di Fassa, spazzati via da raffiche di vento che hanno superato i 100 chilometri all'ora, tra il disastro di foreste ridotte a corpi morti, sbattuti al suolo, oggi sono riemersi questi due capitelli.

 

''Una piccola ma grande cosa - spiega Roberto Daprà presidente del Gruppo Fai Valli di Fiemme e Fassa - perché sono oggetti molto evocativi della spiritualità locale, della gente di montagna. In particolare vengono realizzati per proteggere i boschi e chi li frequenta e qui in Val di Fassa in particolare servivano a proteggere i lavoratori delle foreste, i boscaioli, che fanno un lavoro molto pericoloso e difficile. Oltre ad essere dei punti di riferimento per chi le foreste le attraversa''.

 

I due capitelli qui ritratti sono quello in località Forno, una frazione di Moena, e l'altro lo si trova lungo il percorso del Giro delle Malghe. Sono rimasti in piedi, sommersi da rami e circondati dai tronchi sradicati dalla furia di una tempesta che in queste valli, a memoria d'uomo, nessuno aveva mai vissuto.

 

''Ripartiamo da quel che è rimasto in piedi - conclude Daprà - da questi simboli che da generazioni vengono costruiti e ricostruiti nei nostri boschi. Questi due capitelli non hanno un valore storico di chissà quale natura, risaliranno agli anni '50 o '60 e ciclicamente vengono ripristinati perché richiedono manutenzione, anche a causa degli stupidi che li vandalizzano, ma rappresentano un simbolo ed è stato emozionante vederli riemergere dopo il disastro''. Qualcosa di simbolico da cui ripartire.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
09 maggio - 20:00
Trovati 57 positivi, non sono stati comunicati decessi nelle ultime 24 ore, sesto giorno consecutivo senza vittime legate all'epidemia. Sono [...]
Cronaca
09 maggio - 16:26
L'allerta è scattata poco dopo mezzogiorno all'altezza del centro abitato di Castello sul territorio comunale di Terragnolo. In azione la macchina [...]
Economia
09 maggio - 17:48
Il cronoprogramma per l’entrata in servizio di Indaco “l’Amazon trentina”, Spinelli: “Abbiamo imposto tempi che sono nell’ordine di 8 [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato