Contenuto sponsorizzato

Due escursionisti bloccati sulle Pale di San Martino. Aperta in via straordinaria la funivia Rosetta per il soccorso

I due giovani stavano rientrando dopo aver affrontato la ferrata Bolver Lugli quando si sono bloccati sul sentiero a causa del freddo, del terreno ghiacciato e del sopraggiungere del buio

Pubblicato il - 19 novembre 2018 - 10:05

Freddo e terreno ghiacciato hanno bloccato questa notte due escursionisti veneti nei pressi di passo Bettega sulle Pale di San Martino. I due ragazzi, del 1991 e del 1994, stavano rientrando dopo aver affrontato la ferrata Bolver Lugli quando si sono bloccati sul sentiero a causa del freddo, del terreno ghiacciato e del sopraggiungere del buio.

 

Attorno alle 18 di ieri sera è arrivata la chiamata al Numero Unico per le Emergenze 112.

Ad intervenire una squadra di terra composta da quattro uomini dell’Area operativa Trentino Orientale del Soccorso Alpino che ha raggiunto a piedi i due escursionisti, illesi ma infreddoliti. Per recuperarli e accompagnarli fino alla funivia della Rosetta - aperta in via straordinaria per agevolare l’operazione di soccorso - sono state necessarie delle manovre di corda. L’intervento si è concluso alle ore 1.30.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 15:37

L’ultimo esemplare radiocollarato è una femmina, ribattezzata “Cimbra”, con la sua cattura sarà possibile acquisire dati che serviranno a evitare le predazioni sugli animali domestici. Gli esperti: “Se si vogliono trovare soluzioni ci si deve attenere ai fatti evitando il sensazionalismo. Progetto replicabile? Sì, in tutto l’arco alpino, anche nei confronti degli orsi”

01 dicembre - 15:57

Il capogruppo di Agire spiega : "Dal '78 ad oggi abbiamo avuto più di 6 milioni di aborti, ovviamente non mi permetto di giudicare, però non posso tacere sul fatto che in quei 6 milioni, non c'erano solo bambini di sesso maschile ma anche di sesso femminile. Anche in questo caso è femminicidio”

01 dicembre - 12:50

Tra le zone principali dello spaccio piazza Dante e piazza della Portela, l'operazione dei Carabinieri all'alba con le unità cinofile e gli elicotteri. Coinvolti tunisini, italiani e marocchini uniti da un modello organizzativo costituito da un vincolo gerarchico. Lo spaccio anche a Rovereto, Pergine, Riva del Garda e Arco 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato