Contenuto sponsorizzato

E' morto Dario Pegoretti, uno tra i più famosi telaisti italiani

Pegoretti si è sentito male ieri sera. Molti vip, anche stranieri, pedalano su una due ruote costruita dall'artigiano trentino

Pubblicato il - 24 agosto 2018 - 08:58

CALDONAZZO. Si è spento ieri sera, all'età di 62 anni, Dario Pegoretti, il re dei telai. La notizia della sua morte è arrivata in tarda serata e si è poi diffusa in tutto il mondo.

 

Pegoretti nella sua vita ha costruito bici per i più grandi campioni e non solo. Si tratta di modelli esclusivi, caratterizzati dall’uso dell’acciaio o, in alternativa, dell’alluminio. Ad avere telai firmati Pegoretti c'è anche il premio Oscar Robin Williams. Veri e propri pezzi d'arte attraverso i quali è riuscito ad ottenere i massimi riconoscimenti mondiali in materia di telaismo.

 

Una tappa molto importante, nella carriera del “re dei telai”, risale ai primissimi anni Novanta con la fondazione dell’azienda “Pegoretti Dario Biciclette Professionali”.

 

Negli ultimi anni Dario aveva focalizzato la propria attenzione sotto il profilo artistico colorando i propri telai ma anche altri elementi delle biciclette.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

29 ottobre - 18:45

Mentre in Alto Adige Kompatscher si è adeguato alle norme nazionali mettendo in sicurezza i suoi ristoratori ed esercenti per quanto riguarda l'accesso ai contributi (dopo aver preso atto che con meno clienti in circolazione non conveniva restare aperti con i rischi sanitari che ci sono) il Trentino continua con lo scontro con Roma: ''Alle 18.10 noi ancora non abbiamo visto nessuna atto ufficiale di impugnazione''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato