Contenuto sponsorizzato

E' morto Dario Pegoretti, uno tra i più famosi telaisti italiani

Pegoretti si è sentito male ieri sera. Molti vip, anche stranieri, pedalano su una due ruote costruita dall'artigiano trentino

Pubblicato il - 24 agosto 2018 - 08:58

CALDONAZZO. Si è spento ieri sera, all'età di 62 anni, Dario Pegoretti, il re dei telai. La notizia della sua morte è arrivata in tarda serata e si è poi diffusa in tutto il mondo.

 

Pegoretti nella sua vita ha costruito bici per i più grandi campioni e non solo. Si tratta di modelli esclusivi, caratterizzati dall’uso dell’acciaio o, in alternativa, dell’alluminio. Ad avere telai firmati Pegoretti c'è anche il premio Oscar Robin Williams. Veri e propri pezzi d'arte attraverso i quali è riuscito ad ottenere i massimi riconoscimenti mondiali in materia di telaismo.

 

Una tappa molto importante, nella carriera del “re dei telai”, risale ai primissimi anni Novanta con la fondazione dell’azienda “Pegoretti Dario Biciclette Professionali”.

 

Negli ultimi anni Dario aveva focalizzato la propria attenzione sotto il profilo artistico colorando i propri telai ma anche altri elementi delle biciclette.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 giugno - 06:01

Ci sono date che incarnano più di altre i passaggi decisivi della storia di un Paese. Il 2 giugno 1946 ha per una famiglia roveretana una doppia valenza, legata alla vicenda di un fante partito per la guerra in Africa settentrionale, caduto prigioniero degli inglesi e ritornato in patria proprio quando c'era da decidere tra "Repubblica" e "Monarchia". Riabbracciati i propri cari, Aldo Farinati non avrebbe avuto dubbi su cosa votare

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato