Contenuto sponsorizzato

Elezioni, Unione degli Universitari: ''Pronti a dare del filo da torcere per garantire un'università aperta e solidale''

L'Udu di Trento commenta i risultati delle elezioni provinciali e la vittoria del centrodestra: "Noi resistiamo"

Pubblicato il - 22 ottobre 2018 - 17:51

TRENTO. “Siamo parte integrante del tessuto sociale cittadino e, Provincia verde-blu che sia, vi daremo del filo da torcere se necessario, per garantire un equo diritto allo studio ed un'università aperta e solidale”. E' un commento duro e allo stesso tempo pieno di grinta e anche speranza quello che questo pomeriggio l'Unione degli universitari di Trento ha postato su Facebook.

L'Udu è la più importante rappresentanza studentesca presente all'Università di Trento. Assieme a UNiTIN rappresentano gli studenti nella totalità degli organi centrali dell’Ateneo ma anche nei vari dipartimenti.

 

“Ieri Trento ci ha accolti. Come studenti, come parte integrante di una comunità ibrida, a cavallo fra Italia e Austria, da sempre terra di incontri e scambi. Oggi la coalizione di centrodestra capitanata da Fugatti, che attualmente vola oltre il 45%, ha vinto le elezioni provinciali. Un centrodestra che non vinceva dal 1945, che ha trasposto i problemi della città e le preoccupazioni a livello nazionale su una presunta situazione cittadina degradata, insicura, vittima di un'immigrazione incontrollata” viene spiegato nella pagina Facebook dell'Udu di Trento.

 

Viene poi sottolineato come nel programma elettorale lo spazio dedicato alle politiche giovanili sia “una mera definizione delle stesse, alla cultura vengono dedicate sei righe risicate e all'Università ben mezza pagina”.

 

“L'obiettivo principale – afferma l'Udu - è la securitarizzazione e la caccia all'immigrato terrorista e spacciatore (già, terrorismo e spaccio vengono equiparati per quanto riguarda la revoca della protezione internazionale). Il degrado, che i trentini non sanno neanche cosa sia, sembrerebbe ovunque”.

 

Un esito delle elezioni che gli studenti definiscono “inquietante” che forse Trento non vuole più essere una città aperta, universitaria e internazionale. “Eppure noi studenti ci siamo. Non resteremo – avvertono i rappresentati di Udu - ai margini della nostra città, che viviamo ogni giorno, chi da mesi e chi da anni. Siamo parte integrante del tessuto sociale cittadino e, Provincia verde-blu che sia, vi daremo del filo da torcere se necessario, per garantire un equo diritto allo studio ed un'università aperta e solidale. Noi restiamo”.

 

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 18:54

Il governatore in vista ad Ala attacca la precedente amministrazione provinciale: "Sono stati inconcludenti. Qui ognuno deve prendersi le proprie responsabilità, noi ci prenderemo le nostre, ma i cittadini non possono correre simili rischi"

20 gennaio - 16:00

L'assessora preoccupata dal fatto che nel 2017 gli aborti in Trentino sono stati 703 mentre nel 2016 erano stati 684. Una minima crescita su base annuale che, ovviamente, ai fini statistici non ha valore mentre il dato resta comunque il secondo più basso di sempre. Nel 2007 erano quasi 1.300

20 gennaio - 19:07

L'allarme è stato lanciato intorno alle 15 dal padre. Il 43enne si trovava da solo in escursione. La macchina dei soccorsi subito in azione, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato