Contenuto sponsorizzato

Era arrivato in Italia con un visto turistico, fermato a Merano con mezzo chilo di cocaina

L'attività di indagine è stata effettuata dalla sezione narcotici della squadra mobile e dai carabinieri della compagnia di Silandro tra la Val Venosta e Merano

Pubblicato il - 11 aprile 2018 - 11:46

MERANO. Era arrivato in Italia con un visto turistico ed è stato arrestato a Merano. A finire nei guai è un uomo di origine albanese.

 

In occasione di un’attività di indagine effettuata dalla sezione narcotici della squadra mobile e dai carabinieri della compagnia di Silandro tra la Val Venosta e Merano, l'uomo era già stato notato aggirarsi nella zona dell’Ospedale di Merano.

 

A seguito di precise richieste circa la sua presenza in Alto Adige, lo straniero ha dichiarato falsamente di essere appena giunto in Italia ed era in cerca di una sistemazione allogiativa.

 

Dal momento che in realtà lo straniero aveva già un domicilio e data la vaghezze delle risposte fornite, è stata effettuata una perquisizione locale e personale a seguito della quale sono state sequestrate 4 confezioni di nylon con all’interno, complessivamente, oltre mezzo chilo di cocaina e un bilancino di precisione.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 15:00

E' successo poco prima di mezzanotte, sul posto  una volante della squadra mobile e la polizia locale. Due denunce 

16 luglio - 13:01

Dopo i tanti comitati locali e associazioni ambientaliste intervenuti per denunciare i pesanti interventi sulle montagne di Cortina, anche il Cai Veneto ha deciso di scendere in campo lanciando un allarme per la "pressione ambientale insostenibile" sulle montagne di Cortina. Nelle settimane scorse, i mondiali di sci erano stati confermati per il 2021

16 luglio - 13:05

Questi paesi si aggiungono a Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del nord, Moldavia, Oman, Panama, Perù, Repubblica dominicana e il divieto comprende tutti i mezzi di trasporto. Restano però aperti i collegamenti con gli Stati Uniti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato