Contenuto sponsorizzato

Era originario di Roma e viveva a Caldonazzo l'autista del camion morto in A22

Alessandro Calvi è l'uomo estratto dalle lamiere del suo mezzo dopo il violento tamponamento con un tir. Portato all'ospedale è stato operato e i medici hanno fatto tutto il possibile per salvarlo ma dopo quasi tre ore è spirato

Pubblicato il - 26 aprile 2018 - 21:16

EGNA. Era residente a Caldonazzo anche se originario di Roma Alessandro Calvi l'autista del camion che oggi intorno alle 12.40, oggi, ha tamponato un tir sull'A22 finendo per perdere la vita. Uno schianto terribile avvenuto contro un grosso mezzo targato Bulgaria. Classe 1963, è stato estratto vivo dalle lamiere del suo camion.

 

La cabina di guida, infatti, si era completamente accartocciata contro il rimorchio del tir che la precedeva per un impatto che è stato sicuramente molto violento. Ancora non è chiaro come sia avvenuto un tale incidente. Quel che è certo è che i due mezzi si trovavano grosso modo all'altezza del casello di Egna e stavano percorrendo la carreggiata sud, in direzione Trento, quando il secondo ha centrato il primo.

Incidente in A22, due tir si tamponano. Perde la vita un camionista

 

Dopo lo scontro sul posto sono subito arrivati i vigili del fuoco che con le pinze idrauliche hanno liberato l'uomo e lo hanno immediatamente caricato sul Pelikan 1 che lo ha elitrasportato all'ospedale di Bolzano. Qui i medici sono subito intervenuti e hanno fatto tutto il possibile per salvargli la vita, anche operandolo, ma intorno alle 16 è morto. Troppo gravi le ferite e le lesioni riportate in quello scontro. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 18:14

Il dirigente dell'Azienda Sanitaria Pier Paolo Benetollo ha spiegato che ad oggi "Il numero di varianti che stiamo trovando è limitato''. Sono in totale quattro le mutazioni inglesi registrate fino ad oggi in Trentino 

26 febbraio - 18:02

Adesso si parte con la fase successiva. Il virologo del Cibio, Massimo Pizzato: "La prossima settimana prevediamo di proseguire con lo studio. Un migliaio di analisi in parallelo ai tamponi molecolari per verificare la sensibilità dei test salivari. Poi si parte a regime, questo step dovrebbe iniziare a metà marzo"

 
26 febbraio - 17:55

Confermata la permanenza del Trentino in zona arancione. Con un indice Rt dell'1.07 (ma con rischio moderato e alta probabilità di progressione), la provincia continuerà a essere interessata da misure come il divieto di lasciare il proprio Comune e la chiusura al pubblico di bar e ristoranti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato