Contenuto sponsorizzato

Esce di strada in bici, il figlio a bordo della due ruote portato in ospedale

E' successo all'altezza del Forte Mero lungo la strada vecchia del passo del Tonale. Sul posto due ambulanze, l'elicottero, i vigili del fuoco di Vermiglio e le forze dell'ordine

Pubblicato il - 08 settembre 2018 - 15:45

VERMIGLIO. Incidente lungo la strada vecchia del passo del Tonale poco dopo le 13, quando un ciclista con a bordo il figlio sono finiti a terra.

 

E'successo all'altezza del Forte Mero, il padre alla guida della mountain bike si è sbilanciato e quindi ha perso il controllo della due ruote per cadere.

 

A farne le spese il ragazzino, classe 2005, a bordo della bici, il quale ha riportato le ferite maggiori.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, due ambulanze e l'elicottero, i vigili del fuoco di Vermiglio e le forze dell'ordine

 

Il personale sanitario ha stabilizzato il minorenne, il quale è stato trasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento per accertamenti e approfondimenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato