Contenuto sponsorizzato

Fatture gonfiate per ottenere contributi pubblici. ''Centriamo Caldonazzo'' finisce nel mirino della Finanza

Le spese non ammissibili si aggirerebbero sui 77mila euro. La Procura contabile ha emesso un invito a dedurre per tre persone

Pubblicato il - 19 aprile 2018 - 12:25

TRENTO. Sarebbero state "gonfiate" alcune fatture con una serie di artifizi volti ad ottenere illeciti contributi dalla Pat, falsificando la documentazione. Questa l'ipotesi di accusa nata da un'indagine avviata dalla Guardia di Finanza di Trento e che riguarda il consorzio trentino “Centriamo Caldonazzo”, sciolto nel 2015.

 

Al centro dell'indagine portata avanti dalle Fiamme gialle e al centro di una verifica della Corte dei Conti, ci sarebbe l'indebito conseguimento di alcuni contributi erogati dalla Provincia di Trento per il Consorzio negli anni 2011, 2012 e 2013.

 

Per questo la Procura contabile ha emesso un invito a dedurre per tre persone: Michele Bragagna, ex socio e vicepresidente dell'agenzia pubblicitaria Ogp, Dario Bortoluzza, amministratore unico della Ogp e Cristiana Biondi, ex presidente del consorzio.

 

A seguito delle perquisizioni svolte dai militari della Polizia Tributaria sarebbe emersa l’esistenza di un collaudato sistema di frode ideato e posto in essere, secondo le indagini, da Bragagna Michele e da Bertoluzza Dario.

 

La contestazione per la quale vengono chieste spiegazioni riguarda il fatto che le spese sarebbero state gonfiate a tal punto da ottenere il 100%, di quanto speso realmente, dalla Provincia. I contributi, infatti, avrebbero dovuto coprire solo il 40% di quanto speso ma le fatture sarebbero state gonfiate a tal punto da far risultare quel 40% di contributo pari alla piena spesa per gli eventi. Insomma, a pagare, alla fine sarebbe stata la Pat. Le note spese artificiosamente gonfiate da Ogp venivano successivamente presentate dal ConsorzioCentriamo Caldonazzo”, con la finalità di ottenere dalla Provincia un contributo pari al 40% del fatturato che però risultava essere molto più alto.

 

Le spese non ammissibili individuate dalla guardia di finanza sarebbero di 77 mila euro. Questa l'impianto accusatorio. Ora alle parti spettano deduzioni e difese e ogni cosa andrà chiarita in aula.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 05:01

Un punto appare fermo: la data del 15 febbraio è un po' l'ultima chiamata. L'inverno è compromesso da tempo e siamo già ai tempi supplementari di una stagione mai partita. Un discrimine forte potrebbe poi essere quello della mobilità: "Si deve distinguere tra turismo e servizio alla collettività. Persi circa 30 milioni di euro solo per la società impianti''

24 gennaio - 19:51

Sono 250 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 37 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 2 decessi, ma si aggiungono le 30 vittime in Rsa. Sono 47 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

24 gennaio - 17:45

Sale il numero dei pazienti in ospedale, stabile quello delle terapie intensive. Altri 2 decessi. Sono state registrate 7 dimissioni e 39 guarigioni nelle ultime 24 ore

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato