Contenuto sponsorizzato

Fiamme a Palazzo Maffei, evacuati i visitatori e i pompieri limitano i danni alla mostra

I danni sono limitati e sono principalmente legati alla fuliggine, ma anche al fatto che qualcuno ha scaricato un estintore nel tentativo di spegnere autonomamente l'incendio

Pubblicato il - 10 maggio 2018 - 17:32

LAVIS. Tanta paura a Lavis per un incendio intorno alle 15.30 nell'area museale dedicata alla Grande guerra all'interno di Palazzo Maffei

 

Le fiamme sono partite per un problema elettrico e l'allarme è stato lanciato dal custode dell'area museale: sul posto si sono immediatamente portati i vigili del fuoco volontari di Lavis e la polizia locale per effettuare i rilievi e chiudere la strada per permettere l'intervento dei soccorsi, oltre al tecnico comunalesindaco e vicesindaco, ma anche alcuni alpini.

 

Dopo aver messo in sicurezza l'area e evacuato i visitatori, i vigili del fuoco volontari hanno iniziato le operazioni di spegnimento per riportare tutto alla normalità.

 

Fortunatamente i pompieri sono accorsi rapidamente e sono riusciti a spegnere le fiamme prima che raggiungessero la sala che ospita la mostra. I danni sono limitati e sono principalmente legati alla fuliggine, ma anche al fatto che qualcuno ha scaricato un estintore nel tentativo di spegnere autonomamente l'incendio.

 

La mostra rimane chiusa nella giornata di oggi per permettere la totale bonifica e aerazione delle sale, ma già domani dovrebbe ritornare aperta al pubblico. 

 

Nelle sale dello storico palazzo in pieno centro a Lavis è infatti attiva una mostra, anche fotografica, per raccontare gli eventi occorsi a Lavis nel periodo 1915-1918. Un'esposizione che spiega la vita in trincea, ma anche il funzionamento delle armi leggere e armi, il ruolo degli animali, l'evoluzione dei mezzi bellici quali carri armati, navi e aerei) e come la medicina è cambiata per soccorrere migliaia di feriti. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 19:20

La situazione si complica in Val di Cembra dove i contagi continuano a salire, soprattutto a Palù dove il 14 è coinciso con la ricorrenza del patrono. Si contano 79 nuovi casi a Trento e poi seguono Pergine, Arco, Lavis, Rovereto e Levico Terme 

28 febbraio - 20:11

Nel Comune di Giovo il rapporto contagi/residenti ha raggiunto il 3,3%, il sindaco non esclude l’entrata in vigore di misure più restrittive: Ci sono intere famiglie coinvolte, dove sia i genitori che i figli sono risultati positivi, forse ci sono un po’ meno anziani rispetto alle altre fasce d’età”

28 febbraio - 15:55

Il rapporto è doppio rispetto al livello medio nazionale e anche oggi si registrano 329 nuovi casi di cui 80 tra giovani in età scolare. In un giorno messe in quarantena ben 18 classi (venerdì erano 35 ieri 53)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato