Contenuto sponsorizzato

Gavettoni di acqua e candeggina contro i vicini, revocato il porto d'armi a un uomo accusato di atti persecutori

Il capofamiglia raggiunto dal provvedimento si è rivolto al Tar che però ha respinto il ricorso. Per i giudici amministrativi non si tratta di liti tra vicinato ma di "molestie integranti atti persecutori"

Pubblicato il - 01 novembre 2018 - 10:43

TRENTO. Litigiosi e molesti con i vicini? La questura revoca il porto d'armi. Non per punizione, ma per prevenzione. La decisione, contro cui è stato depositato un ricorso, è stata confermata dai giudici del Tar. Il ricorso è stato respinto perché le autorità di Pubblica sicurezza hanno agito correttamente. Nemmeno il ricorso contro l'ammonimento è stato accolto: sembra proprio che le molestie siano ben documentate.

 

Agli atti c'è l'episodio di un lancio di cibo contro i figli della famiglia vessata, e poi gavettoni d'acqua contente candeggina. E ancora: la macchina messa in modo da impedire il parcheggio a quella dei vicini e persino un tentativo di investimento. Contro questo fatto è stato depositato un video che lo smentirebbe, ma la copia non è quella originale ed è stato rigettato.

 

Niente da fare, il Tar ha deciso così: no al porto d'armi quando si è di fronte a "molestie integranti atti persecutori". La famiglia di origine rumena, terrorizzata dai vicini litigiosi, potrà ora stare più serena

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 gennaio - 20:31

Sono 246 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 6 decessi, mentre sono 28 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

23 gennaio - 19:50

Oggi la conferenza Stato - Regioni, Fugatti: ''I programmi dell'arrivo dei vaccini sono saltati. Ci dobbiamo arrangiare con gli strumenti che abbiamo. Con i vaccini, purtroppo, ci vorrà molto tempo per avere un numero alto di somministrazioni nella popolazione”

 

23 gennaio - 18:42

Cala il numero dei pazienti in ospedale ma sale quello delle terapie intensive. Altri 6 decessi. Sono state registrate 24 dimissioni e 187 guarigioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato