Contenuto sponsorizzato

Gavettoni di acqua e candeggina contro i vicini, revocato il porto d'armi a un uomo accusato di atti persecutori

Il capofamiglia raggiunto dal provvedimento si è rivolto al Tar che però ha respinto il ricorso. Per i giudici amministrativi non si tratta di liti tra vicinato ma di "molestie integranti atti persecutori"

Pubblicato il - 01 novembre 2018 - 10:43

TRENTO. Litigiosi e molesti con i vicini? La questura revoca il porto d'armi. Non per punizione, ma per prevenzione. La decisione, contro cui è stato depositato un ricorso, è stata confermata dai giudici del Tar. Il ricorso è stato respinto perché le autorità di Pubblica sicurezza hanno agito correttamente. Nemmeno il ricorso contro l'ammonimento è stato accolto: sembra proprio che le molestie siano ben documentate.

 

Agli atti c'è l'episodio di un lancio di cibo contro i figli della famiglia vessata, e poi gavettoni d'acqua contente candeggina. E ancora: la macchina messa in modo da impedire il parcheggio a quella dei vicini e persino un tentativo di investimento. Contro questo fatto è stato depositato un video che lo smentirebbe, ma la copia non è quella originale ed è stato rigettato.

 

Niente da fare, il Tar ha deciso così: no al porto d'armi quando si è di fronte a "molestie integranti atti persecutori". La famiglia di origine rumena, terrorizzata dai vicini litigiosi, potrà ora stare più serena

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:29

Mentre il presidente della Regione Kompatscher lavora per portare la concessione dell'autostrada nelle mani solo degli enti pubblici, da parte della giunta provinciale trentina la sensazione è che si stia remando in direzione contraria. L'ex presidente Ugo Rossi: "Fugatti ostacola la comunanza di visione tra le province. Vuole fare gli interessi dei veneti. Così rischiamo di andare alla gara"

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

27 settembre - 18:30

Dopo il mancato apparentamento il sindaco uscente Betta chiede il sostegno degli ambientalisti: “Su molti punti siamo vicini, Parisi potrebbe essere la garante di un accordo programmatico, mi sento di tendere la mano alla coalizione ambientalista e sono pronto ad accogliere alcuni esponenti all’interno della Giunta”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato