Contenuto sponsorizzato

Gavettoni di acqua e candeggina contro i vicini, revocato il porto d'armi a un uomo accusato di atti persecutori

Il capofamiglia raggiunto dal provvedimento si è rivolto al Tar che però ha respinto il ricorso. Per i giudici amministrativi non si tratta di liti tra vicinato ma di "molestie integranti atti persecutori"

Pubblicato il - 01 novembre 2018 - 10:43

TRENTO. Litigiosi e molesti con i vicini? La questura revoca il porto d'armi. Non per punizione, ma per prevenzione. La decisione, contro cui è stato depositato un ricorso, è stata confermata dai giudici del Tar. Il ricorso è stato respinto perché le autorità di Pubblica sicurezza hanno agito correttamente. Nemmeno il ricorso contro l'ammonimento è stato accolto: sembra proprio che le molestie siano ben documentate.

 

Agli atti c'è l'episodio di un lancio di cibo contro i figli della famiglia vessata, e poi gavettoni d'acqua contente candeggina. E ancora: la macchina messa in modo da impedire il parcheggio a quella dei vicini e persino un tentativo di investimento. Contro questo fatto è stato depositato un video che lo smentirebbe, ma la copia non è quella originale ed è stato rigettato.

 

Niente da fare, il Tar ha deciso così: no al porto d'armi quando si è di fronte a "molestie integranti atti persecutori". La famiglia di origine rumena, terrorizzata dai vicini litigiosi, potrà ora stare più serena

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato