Contenuto sponsorizzato

Getta le braci calde e brucia un cassonetto, la Polizia: ''Tutta la comunità ne pagherà le spese"

L'allarme lanciato da un cittadino e sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco volontari di Storo e gli agenti della Polizia locale della Valle del Chiese

Pubblicato il - 19 dicembre 2018 - 10:53

TRENTO. I vigili del fuoco di Storo sono intervenuti questa mattina all'isola ecologica che si trova davanti le scuole del paese a seguito dell'allarme lanciato da un cittadino per un principio d'incendio di un cassonetto dell'umido.

 

Secondo i primi rilievi, qualcuno, nelle prime ore di oggi, ha infatti versato della cenere con delle braci ancora calde all'interno del cassonetto dell'umido senza preoccuparti che queste avrebbero portato dei danni trattandosi di un contenitore di plastica.

I vigili del fuoco volontari di Storo, assieme alla polizia della Valle del Chiese sono intervenuti immediatamente. Il possibile incendio è stato bloccato sul nascere ma le braci calde hanno danneggiato il cassonetto.

 

“Ancora una volta – spiega la polizia locale - qualcuno non rammenta che le braci ancora calde non vanno messe nell'umido. I costi verranno sostenuti da tutti”.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 05:01

Andrea Mazzarese, segretario regionale Sinappe, lancia l'allarme: "Gli agenti di polizia penitenziaria costretti a lavorare con l'illuminazione di un faretto che ci è stato lasciato provvisoriamente dai vigili del fuoco e in cinque sezioni manca anche la videosorveglianza"

21 gennaio - 12:57

Katia Rossato negli scorsi giorni ha fatto un post contro il Comune che ha detto no all'introduzione della pistola elettrica a Trento. Il Taser però diventa Teaser (una pubblicità, un trailer) per la consigliera che non legge e il marito (l'attivista Demattè) compie lo stesso errore mentre ieri attaccava il Dolomiti per una presunta fake news collezionando l'ennesima figuraccia

21 gennaio - 10:37

Il 43enne perito elettrotecnico, si occupava della gestione di centrali e di una diga. Appassionato di sport, suonava il trombone. Il ricordo dei compagni: ''Sconvolti, rimarrai nella nostra musica''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato