Contenuto sponsorizzato

Gli addetti al riciclo dei rifiuti scendono in piazza: 'Pagamenti irregolari e lavoriamo senza adeguati dispositivi di sicurezza''

Nel mirino l'impianto di trattamento dei rifiuti gestito da "Ricicla Trentino". "Vogliamo migliori condizioni di lavoro, reddito e dignità", questo lo striscione dei manifestanti impiegati allo stabilimento di Lavis

Pubblicato il - 23 giugno 2018 - 12:15

TRENTO. "Vogliamo migliori condizioni lavorative", questa la rivendicazione di un gruppo di manifestanti iscritti al sindacato Adl Cobas, che si sono riuniti in via Belenzani per portarsi in piazza Pasi a Trento

 

Nel mirino l'impianto di trattamento dei rifiuti gestito da "Ricicla Trentino". "Vogliamo migliori condizioni di lavoro, reddito e dignità", questo lo striscione dei manifestanti impiegati allo stabilimento di Lavis.

 

Diverse le criticità sollevate tra irregolarità dei pagamenti, problemi legati alla condizioni di sicurezza e altri aspetti occupazionali. "Ormai da alcuni mesi - dice Teo Molin Fop dell'Adl Cobas - chiediamo miglioramenti nelle condizioni di lavoro: abbiamo chiesto un tavolo, ma non abbiamo mai ricevuto una risposta". 

 

I manifestanti, a voce, ma anche mediante la distribuzione di un volantino spiegano che "i lavoratori assunti dall'agenzia interinale Gi Group chiedono un netto miglioramento delle condizioni lavorative. Non vengono forniti gli adeguati dispositivi di protezione individuale e sono spesso costretti a selezionare i rifiuti senza guanti oppure con grembiuli non idonei".

 

A questo si aggiunge l'orario di lavoro settimanale. "Non viene sempre garantito e non vengono pagate le maggiorazioni per il sabato. All'intero dello stabilimento - aggiunge Molin Fop - c'è una netta maggioranza di lavoratori somministrati rispetto ai dipendenti diretti e questo è in contrasto con la normativa che prevede un limite massimo di lavoratori a tempo determinato o somministrato del 20% rispetto a quelli a tempo indeterminato".

 

I lavoratori si dicono stanchi di questa situazione e per questo scendono in piazza. "Vogliamo - conclude Molin Fop - far conoscere a tutti le condizioni di sfruttamento a cui sono sottoposte le persone adibite alla differenziazione dei rifiuti. Chiediamo un coinvolgimento e una presa di posizione anche delle istituzioni cittadine e provinciali: all'interno di questo stabilimento si svolge un servizio di cui beneficiano tutti i trentini".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
20 settembre - 10:08

In alcuni punti della città, nel fine settimana, si formano notevoli assembramenti. Purtroppo le persone sembrano aver archiviato con troppa facilità l’emergenza sanitaria e in pochi rispettano le precauzioni

20 settembre - 09:47

E' successo a Volano e la situazione è sotto controllo. Il contagio nel bambino sarebbe avvenuto in ambito famigliare e non sono stati rilevati altri casi a scuola 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato