Contenuto sponsorizzato

Ha un malore mentre taglia la legna. L'amico corre in paese per cercare aiuto, ma al ritorno il boscaiolo era morto

E' successo tra i boschi sopra Moena questo pomeriggio. A perdere la vita un uomo di 81 anni del posto (AGGIORNAMENTI)

Foto repertorio
Pubblicato il - 17 settembre 2018 - 19:12

MOENA. Stava tagliando la legna nel bosco quando ha avvertito una fitta al petto e si è accasciato a terra. L'amico che si trovava nel bosco con lui  ha subito capito cosa stava succedendo ed è corso in paese a chiedere aiuto ma al ritorno con i soccorsi non c'era più niente da fare

 

E' morto, questo pomeriggio, un boscaiolo di 81 anni di Moena. L’uomo stava tagliando legna con un amico nel bosco in località Le Pegne sopra l’abitato di Moena praticamente all'altezza della partenza del sentiero 622, quando, all'improvviso, si è sentito poco bene e si è accasciato a terra.

Il compagno, compresa la gravità della situazione, ha detto all'amico che sarebbe tornato subito, che correva in paese per chiamare aiuto ma quando l’ambulanza è giunta sul posto non c’era ormai più nulla da fare. Il recupero della salma è avvenuto per mano del personale del Soccorso Alpino dell’Area operativa Trentino Settentrionale che ha dovuto calare la barella lungo il pendio fino alla strada sottostante.

 

La salma è stata poi trasportata alla camera mortuaria di Moena.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato