Contenuto sponsorizzato

Il camion si incastra sulle rocce e un fiume di pecore deve essere trasferito lunga la strada

E' successo tra Vezzano e Ranzo lungo la bellissima e panoramica provinciale 18. La strada è stata invasa da pecore e agnelli che hanno ricoperto di escrementi tutta la carreggiata

Di Luca Pianesi - 06 giugno 2018 - 18:46

VEZZANO. Chi questo pomeriggio s'è ritrovato a percorrere la strada provinciale 18, quella bellissima e panoramica che collega Vezzano a Ranzo, all'altezza delle vecchie gallerie si sarà sicuramente accorto che l'asfalto era completamente ricoperto di escrementi.

 

 

Decine di metri verdi e marroni e un forte odore acre a invadere l'aria. Cos'è successo? Questo pomeriggio un camion che trasportava centinaia e centinaia di pecore ha finito per incastrarsi sulle rocce che costeggiano la strada, rimanendo completamente bloccato. 

 

Il camion di pecore resta bloccato e serve il trasferimento

 

Panico, attimi di incertezza, anche perché il camion è molto alto e subito alla sinistra dell'autista si apre uno strapiombo profondissimo, visto che la strada sale tortuosa aprendo lo sguardo a tutta la Valle dei Laghi e più giù, fino al Garda Trentino. Subito sono stati chiamati i vigili del fuoco e altri mezzi sono scesi da Margone per caricare agnellini e pecore e portarle su fino ai pascoli posti poco prima della frazione. 

 

 

Le pecore sono, quindi, state fatte smontare e nel momento del trasferimento hanno fatto quel che si sentivano di fare. Poi c'hanno pensato gli altri veicoli in transito a spargere sull'asfalto le deiezioni ed ecco spiegata la densa poltiglia sulla carreggiata.

 

 

A mezzo sgombro i vigili del fuoco hanno aiutato l'autista a liberare il camion dalle rocce mentre le pecore sono state accompagnate in quota e liberate al pascolo senza ulteriori disagi. Tutto alla fine si è risolto per il meglio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 giugno - 10:03
Si lavora per rimettere in sicurezza la carreggiata: all'altezza di San Cristoforo, traffico deviato verso la Sp1 del lago di Caldonazzo. Code e [...]
Cronaca
18 giugno - 08:49
La colata, lunga circa 800 metri, continua a scivolare verso valle a una velocità di 100 metri all'ora. Parte del materiale fangoso è [...]
Montagna
18 giugno - 09:31
Il soccorritore è morto a 58 anni a causa di un'insufficienza cardiaca che non gli ha lasciato scampo. Operava nella stazione di Solda
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato