Contenuto sponsorizzato

Il nome in codice è ''Pablo'', nasconde in cassaforte 3 chili di hashish di alta qualità, blitz dei carabinieri

Il 21enne spacciava a giovanissimi, anche minorenni. Aveva la base operativa all'interno di un residence di Arco. Un'operazione "vecchia scuola" dei carabinieri tra appostamenti e servizi in borghese. Scatta l'irruzione dei militari con l'unità cinofila

Di Luca Andreazza - 14 novembre 2018 - 13:08

ARCO. Un'operazione "vecchia scuola" per i carabinieri tra appostamenti e servizi in borghese. Nel mirino "Pablo", un 21enne, arrestato dopo un'irruzione nella sua base operativa ad Arco e pizzicato in possesso di 3 chili di hashish "Noir" per un valore sul mercato di circa 35 mila euro.

"Era fondamentale agire di sorpresa - spiega Luca Volpi, comandante dei carabinieri di Trento - per evitare che il giovane spacciatore riuscisse a dileguarsi tra le tante vie del paese. Questa operazione è durata diversi mesi tra identificazione dell'uomo e quindi la pianificazione dell'arresto".

 

Le indagini prendono le mosse dopo diversi servizi di vigilanza e prevenzione nelle vicinanze di tutti gli istituti scolastici, ma anche al centro giovani "Cantiere 26" e l'area cani di via Pomerio. In quelle occasioni vengono fermati sei giovanissimi, alcuni anche minorenni, che indirizzano i militari verso un ragazzo che sulla piazza è noto con il nome in codice "Pablo".

 

"L’uomo agiva in modo molto cauto - dice Giorgio Dalrìvicecomandante della stazione dei carabinieri di Arco -  non frequentava i locali pubblici della zona, ma si recava a piedi o in bicicletta nei pressi delle scuole superiori e nelle aree cantiere 26 e Sarca Bau Beach: sempre in orari diversi e senza mai farsi notare, mentre dopo il contatto con giovani si dileguava per tragitti impervi e sentieri, come quello verso il castello di Arco".

 

L'operazione per risalire a "Pablo" scattano in settembre e nel mese di novembre arriva l'identificazione: P.N., classe '97 di origine lucane, pregiudicato e disoccupato, arrivato in Trentino alla ricerca di un'occupazione nel settore alberghiero, ma mai iscritto in un centro per l'impiego provinciale

Da quel momento inizia una serie di servizi di osservazione, controllo e pedinamento che dopo alcune settimane porta a scovare il domicilio del giovane: un appartamento all'interno di un residence nel centro arcense. Dopo alcune settimane di appostamenti il via vai di acquirenti si intensifica e così i militari decidono di entrare in azione e irrompere per sbarrare ogni tentativo di fuga. Il 21enne esce per gettare la spazzatura e scatta il blitz

 

"Il ragazzo è apparso molto sicuro di sé - prosegue Dalrì - subito ha consegnato alcuni grammi di hashish presenti in casa, dichiarando che si tratta di modiche quantità per uso personale: così consegna un grinder e quattro pezzi di sostanza stupefacente per 20 grammi".

 

Il 21enne però non ha fatto i conti con Heni, unità cinofila dei carabinieri di Lavies, che inizia a fiutare, si sofferma in camera da letto e inizia a puntare un quadro sul muro che nasconde una cassaforte.

 

Il ragazzo temporeggia e finge di non riuscire ad aprire il vano, poi cede e all'interno ecco un tesoretto di droga: 27 panetti di sostanza stupefacente di tipo "Noir", cioè di origine marocchina e qualità superiore per il principio attivo, dal peso di 105 grammi l'uno, mezzo panetto di 50 grammi, taglierini, bilancino di precisione digitale per confezionare il materiale e tre carte di pagamento. Tutto sequestrato.

"La sostanza stupefacente - conclude Volpi - costa all’ingrosso tra i 3.000 e i 3.500 euro al chilo per una vendita al dettaglio dai 10 ai 12 euro al grammo. Il valore complessivo sul mercato può arrivare a 35 mila euro".

 

Il 21 enne è stato arrestato per detenzione ai fini dello spaccio di ingente quantità di sostanza stupefacente e tradotto al carcere di Spini di Gardolo, a disposizione del dottor Giorgio Valerio Davico, pm tribunale di Rovereto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

28 settembre - 08:18

A comunicarlo è stata l'associazione dei consumatori contro il governo austriaco per la "mala gestione" dei focolai che ad inizio pandemia sono scoppiati a Ischgl 

27 settembre - 18:37

Gli svizzeri hanno detto “no” alla riforma della legge sulla caccia che avrebbe permesso l’abbattimento di lupi anche in via preventiva. L’opinione pubblica si è divisa a metà: i sostenitori dei grandi carnivori hanno prevalso con il 51,9% dei voti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato