Contenuto sponsorizzato

In fiamme l'azienda agricola dove lavorava l'uomo che aveva rinchiuso in un cassone una bracciante

E' successo la scorsa notte a Sona, nel veronese, in un'area agricola affittata a Rehinold Thurner, l'imprenditore altoatesino che è stato arrestato con l'accusa di avere segregato una bracciante per due settimane all'interno di un cassone 

Pubblicato il - 05 settembre 2018 - 20:26

BOLZANO. Potrebbe esserci un gesto di ritorsione all'origine dell'incendio che la scorsa notte è divampato a Sona, nel veronese, in un'area agricola affittata a Rehinold Thurner, l'imprenditore altoatesino che è stato arrestato con l'accusa di avere segregato la sua compagna per due settimane all'interno di un cassone con soltanto una bottiglietta d'acqua e una mela al giorno.

 

Il bolzanino Reinhold Thurne era stato arrestato a fine agosto. L'uomo aveva rinchiuso, come detto, la donna all'interno di un cassone dopo che quest'ultima era arrivata in Italia dalla Polonia per la raccolta delle mele.

 

Alcuni operai di passaggio hanno poi avvertito alcune grida e subito hanno allertato le forze dell'ordine. Sono immediatamente intervenuti sia gli agenti della Polizia Stradale che i Carabinieri della compagnia di Villafranca che sono riusciti a liberare la 44enne.

 

L'uomo, assieme ad un complice polacco 32enne, Piotr Nowicki, è finito in carcere con l'accusa di sequestro di persona e tortura.

 

La scorsa notte l'incendio. Le fiamme, secondo le prime informazioni, hanno distrutto mezzi, attrezzi e casse di mele. Il lavoro dei vigili del fuoco di Verona è durato ben sei ore.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 gennaio - 16:59

Una grossa valanga si è staccata sul versante del Dosso di Costalta che dà verso l'Altopiano di Pinè, travolgendo 4 scialpinisti. I due rimasti illesi hanno estratto un compagno, mentre l'altro chiamava i soccorsi. In 2 sono stati elitrasportati all'ospedale per accertamenti

23 gennaio - 16:50

Sono stati tre gli scialpinisti che nel corso di questo pomeriggio sono stati portati in salvo dal soccorso alpino. L'allarme è arrivato alla Centrale unica di emergenza attorno alle 13

23 gennaio - 13:44

L'allerta è scattata intorno alle 12.45 di oggi, sabato 23 gennaio, in zona del Dosso Costalta, parte sud-occidentale del Lagorai tra l’altopiano di Pinè e la val dei Mocheni. Sono in corso le operazioni e le attività di soccorso

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato