Contenuto sponsorizzato

Incidente a Darzo, il seggiolino salva la vita a un bimbo di 10 mesi

L'auto ha sbandato e ha sbattuto ma il bambino, grazie al seggiolino e alle cinture ne è uscito incolume. La polizia locale Valle del Chiese: "Poteva avere gravi conseguenze se il bambino non fosse stato correttamente assicurato"

Pubblicato il - 10 May 2018 - 18:36

STORO. E' stato salvato dal seggiolino e dalle cinture ben agganciato al sedile posteriore della macchina. A comunicarlo la polizia locale della Valle del Chiese che su un post su Facebook ha ribadito l'importanza di questi strumenti di sicurezza. Ieri infatti, intorno alle 17, nel centro abitato di Darzo una Bmw ha perso il controllo, forse anche a causa del fondo stradale bagnato, e sbandando è andata a sbattere.

 

Tre i feriti, uno dei quali, un 63enne non ha avuto bisogno di soccorso mentre una donna di 22 anni e un bambino di 10 mesi sono stati portati a Tione. Fortunatamente, però, le conseguenze sono state davvero minime come spiega la stessa polizia locale nel suo post: "L'incidente si è verificato in centro abitato a velocità moderata ma, come dimostrano i danni ai veicoli, poteva avere gravi conseguenze se il bambino non fosse stato correttamente assicurato sul seggiolino, che va usato fino al limite d'altezza di un metro e cinquanta".

 


 

E proprio il seggiolino è stato decisivo "lo dimostra - spiega ancora la polizia locale - il sinistro di ieri dove il bambino, trasportato per precauzione da volontari del servizio ambulanza di Storo, all'Ospedale di Tione di Trento è tornato a casa illeso". Insomma, un messaggio importante da veicolare che sposiamo in pieno. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 February - 19:20

La situazione si complica in Val di Cembra dove i contagi continuano a salire, soprattutto a Palù dove il 14 è coinciso con la ricorrenza del patrono. Si contano 79 nuovi casi a Trento e poi seguono Pergine, Arco, Lavis, Rovereto e Levico Terme 

28 February - 20:11

Nel Comune di Giovo il rapporto contagi/residenti ha raggiunto il 3,3%, il sindaco non esclude l’entrata in vigore di misure più restrittive: Ci sono intere famiglie coinvolte, dove sia i genitori che i figli sono risultati positivi, forse ci sono un po’ meno anziani rispetto alle altre fasce d’età”

28 February - 15:55

Il rapporto è doppio rispetto al livello medio nazionale e anche oggi si registrano 329 nuovi casi di cui 80 tra giovani in età scolare. In un giorno messe in quarantena ben 18 classi (venerdì erano 35 ieri 53)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato