Contenuto sponsorizzato

Incidenti sugli sci, annata da record, in quattro mesi quasi 6.500 feriti. Cavalese in testa per ricoveri

Piste piene e skipass staccati in abbondanza, ma l'altro lato della medaglia è anche quello degli incidenti sciistici: un bollettino da guerra

Di Luca Andreazza - 25 aprile 2018 - 20:46

TRENTO. Gli impianti non girano più e tra bilanci e chiusure, sono due i record nel mirino. Il primo è probabile, quello del trend di crescita del turismo, il secondo è già certo, cioè gli incidenti in pista

 

Neve naturale, temperature e paesaggio imbiancato, ma anche l'instabilità politica in alcune aree. Questi gli ingredienti che spingono la stagione invernale appena conclusa verso il record. Si è iniziato in largo anticipo, mentre le stazioni hanno abbassato il sipario verso metà aprile.

 

Una stagione positiva, tolto forse un piccolo rallentamento, soprattutto in alcune zone, solo a marzo tra maltempo e qualche week end rovinato da nevicate e piogge, che dovrebbe attestarsi in aumenti a doppie cifre tra arrivi e pernottamenti. 

 

Piste piene e skipass staccati in abbondanza, ma l'altro lato della medaglia è anche quello degli incidenti sciistici: un bollettino da guerra.

 

Sei i decessi, quello più grave, se si può usare questo aggettivo, il tragico incidente che ha portato al sequestro dell'intera stazione della Panarotta e alla richiesta di risarcimento di 1 milione di euro dai parte dei famigliari, mentre oltre 6.400, 6.402 per la precisione, gli sciatori che hanno sperimentato le cure del pronto soccorso tra Arco, Borgo, Cavalese, Cles, Rovereto, Tione e Trento nel periodo tra il 25 novembre e il 15 aprile.

 

Tra distorsioni, contusioni, lussazioni, botte varie e fratture, in testa l'ospedale di Cavalese a quota 2.434 accessi al pronto soccorso, quindi Trento fermo a 1.388 e Cles a 1.137. A seguire e ben distanziati Tione (724), Rovereto (631), Borgo (87) e Arco a quota 1.

 

Tra gli sciatori il 25% degli infortuni riguarda l’articolazione del ginocchio, seguito da quelle alle spalle (20%), quindi arti inferioripiedi e testa (15 %).

 

La maggior parte dei trattamenti sono, fortunatamente, catalogati come codice verde: 4.623. In seconda posizione quelli gialli con 1.300, mentre i rossi sono 'solo' 26 e i bianchi 453.

 

E se statisticamente i 'pazienti' sono in larghissima maggioranza extra provinciali, la maggioranza degli infortuni riguarda le fasce di età tra i 45-54 anni al 20% e quindi dai 0 ai 13 anni al 18%. 'Solo' 17% per 14-24 anni che chiude il podio, tallonato da 35-44 al 16%. 

 

Infortuni in aumento dovuti anche alle maggiori nevicate, soprattutto rispetto alla passata stagione. Oltre alla maggiore affluenza in pista, la neve naturale questo comporta più disinvoltura negli sciatori, mentre meno neve significa minor superficie sciabile e quindi possibilità di incidenti più rovinosi (Qui articolo). Insomma, la coperta è corta da qualunque parte si guardi. 

 

Un conteggio che ovviamente non tiene in considerazione quegli infortunati che non si recano in pronto soccorso, si tengono la botta, senza dire nulla a nessuno. Tra i ricoveri, solo in un caso su quattro l'infortunato, dopo essere stato soccorso e medicato, viene mandato a casa.

 

Nella maggioranza dei casi, cioè circa il 70%, è necessario eseguire ulteriori accertamenti medici e infatti si finisce al pronto soccorso o in ambulatorio. Le lesioni si differenziano a seconda dell'equipaggiamento, snowboard o sci, ma sono le distorsioni che sembrano essere la vera 'dannazione': una frequenza doppia rispetto a allo snowboard (36% contro il 18%).

 

La frattura è invece l'infortunio più frequente che capita agli amanti dello snowboard: è riportata nel 24% dei casi mentre negli incidenti con gli sci la frattura viene diagnosticata solo nel 12% dei casi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:33

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Visite ambulatoriali e prelievi potranno subire qualche disservizio". Nel frattempo i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato un'assemblea sindacale per quanto riguarda le autonomie locali per venerdì 22 novembre dalle 9 alle 13 alla Sala della cooperazione in via Segantini a Trento

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato