Contenuto sponsorizzato

Ingeriscono mix di psicofarmaci e detergenti per sballare, alcuni detenuti del carcere di Spini finiscono in ospedale

Ci sono stati due casi tra giovedì e venerdì. Probabile l'assunzione anche di sostanze stupefacenti.  Immediato l'intervento degli agenti della polizia penitenziaria e dei soccorsi sanitari 

Foto da internet
Pubblicato il - 08 dicembre 2018 - 09:27

TRENTO. Due casi di abuso di sostanze tra i detenuti del carcere di Spini di Gardolo. Sono successi negli ultimi giorni e sarebbero stati causati da una sorta di cocktail tra solventi e farmaci ma non si esclude che a tutto questo possa esserci stata anche l'assunzione di droga.

 

Il primo caso è avvenuto giovedì sera. Ad intervenire sono stati alcuni agenti della polizia penitenziaria e i soccorsi sanitari. Due detenuti, all'interno della propria cella, hanno iniziato a procurarsi delle ferite con una lametta. All'intervento degli agenti, i detenuti in evidente stato di alterazione dovuta all'abuso di psicofarmaci hanno iniziato a minacciarli.

 

Difficile l'intervento sia degli agenti impegnati a tranquillizzarli e a fermarli ma anche del personale sanitario. I due, dopo le prime cure all'infermeria del carcere, sono stati trasferiti all'ospedale Santa Chiara.

 

Il secondo caso di detenuti che avrebbero ingerito dei solventi, è avvenuto ieri mattina. Anche in questo caso è avvenuto il trasporto al Santa Chiara.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 13:10

Dopo quanto accaduto a Ischgl tra febbraio e marzo il cancelliere austriaco ha annunciato una serie di misure che si applicheranno questa stagione sulle piste. Mascherine in funivia, distanza di un metro gruppi di massimo 10 persone per le scuole di sci

24 settembre - 10:46

Era stato ricoverato al Negrar. Sono sopraggiunte delle complicanze a seguito della caduta e così è deceduto. Nell'incidente si era ferita anche la figlia di 40 anni

24 settembre - 11:50

Al ballottaggio ci sono l'ex sindaco e l'imprenditore Zanin. Decisivo diventa quel 13% che è stato preso dal candidato dell'Svp che, per ovvi motivi, non può imparentarsi con ultra nazionalisti e figure vicine all'ultra destra. Intanto i nostalgici di Casapound salutano il consiglio: '' Siamo i fantasmi di una guerra che non abbiamo fatto, ma siamo i guerrieri di una pace durata troppo a lungo. Ancora qui ci ritroverete tra mille anni e mille anni ancora''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato