Contenuto sponsorizzato

Ingeriscono mix di psicofarmaci e detergenti per sballare, alcuni detenuti del carcere di Spini finiscono in ospedale

Ci sono stati due casi tra giovedì e venerdì. Probabile l'assunzione anche di sostanze stupefacenti.  Immediato l'intervento degli agenti della polizia penitenziaria e dei soccorsi sanitari 

Foto da internet
Pubblicato il - 08 dicembre 2018 - 09:27

TRENTO. Due casi di abuso di sostanze tra i detenuti del carcere di Spini di Gardolo. Sono successi negli ultimi giorni e sarebbero stati causati da una sorta di cocktail tra solventi e farmaci ma non si esclude che a tutto questo possa esserci stata anche l'assunzione di droga.

 

Il primo caso è avvenuto giovedì sera. Ad intervenire sono stati alcuni agenti della polizia penitenziaria e i soccorsi sanitari. Due detenuti, all'interno della propria cella, hanno iniziato a procurarsi delle ferite con una lametta. All'intervento degli agenti, i detenuti in evidente stato di alterazione dovuta all'abuso di psicofarmaci hanno iniziato a minacciarli.

 

Difficile l'intervento sia degli agenti impegnati a tranquillizzarli e a fermarli ma anche del personale sanitario. I due, dopo le prime cure all'infermeria del carcere, sono stati trasferiti all'ospedale Santa Chiara.

 

Il secondo caso di detenuti che avrebbero ingerito dei solventi, è avvenuto ieri mattina. Anche in questo caso è avvenuto il trasporto al Santa Chiara.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 16:21

L'assessora Segnana è intervenuta per scaricare la responsabilità sull'Ordine dei medici. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Se esecutivo e dirigenti provinciali hanno sempre bisogno di qualcuno che dica cosa fare, per quale motivo vengono pagati dai trentini? Chieda scusa e ringrazi Ioppi invece di accusarlo". L'Upt: "Accuse di Segnana inaccettabili e vili. Bullismo istituzionale, arroganza e impreparazione"

25 maggio - 12:37

Il presidente del Forum Trentino per la Pace e i diritti umani (organismo “consulente” della Giunta e del Consiglio Provinciale) manda una lettera all'assessore all'istruzione e cultura per chiedergli di non far saltare quell'importante attività di educazione alla cittadinanza attiva che per tanti giovani è stata anche una delle prime esperienze lavorative: ''Credo non solo debba essere garantito nei suoi progetti ma addirittura rafforzato''

25 maggio - 12:53

Il parco acquatico Riovalli di Cavaion Veronese non riaprirà per l'estate. Le restrizioni imposte dai protocolli di sicurezza, le procedure e l'innalzamento automatico dei costi hanno spinto la direzione a decidersi per la chiusura, lasciando a casa una trentina di dipendenti. Il proprietario: "Lasciati soli dal governo. Anche con le nuove disposizioni del Veneto, come posso garantire al cliente di usufruire dei servizi per cui ha pagato?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato