Contenuto sponsorizzato

La mitica Erica Jorger reclusa contro la sua volontà in una casa di riposo di Merano? Anche Chi l'Ha Visto si occupa del caso

Attrice, amica e testimone di nozze di Frank Sinatra, passò dal concorso di Miss Universo alla crisi, un disturbo bipolare, il ricovero e la riabilitazione. Oggi un'amica rivela che sarebbe rinchiusa contro la sua volontà in una casa di riposo. Un giallo del quale si è occupata anche la trasmissione di Rai3

Pubblicato il - 28 novembre 2018 - 13:56

MERANO. Questa sera il programma televisivo di Rai3 "Chi l'ha visto" potrebbe ritornare a parlare della vicenda di Erica Jorger, oggi 79enne, che secondo l'amica Anita Zani Rocca sarebbe reclusa contro la sua volontà all'interno di una casa di riposo nel meranese. Una storia già trattata dalla conduttrice Federica Sciarelli nella puntata di mercoledì scorso.

 

Attrice e concorrente di Miss Universo nel 1965 passa dalle cronache locali a quelle nazionali, ospite dal 2012 nella casa di riposo di Villa Eden a Merano, quando prima viveva in un lussuoso appartamento di 300 metri quadrati a Villa Beatrice di Maia Alta. Un "buen retiro" dopo aver girato tra Stati Uniti e Londra, Ginevra e Milano come moglie di un facoltoso persiano.

 

La vita di Erica Jorger è inoltre raccontata molto dettagliatamente nella pagina Facebook creata dalla sua amica Zani Rocca. Una carriera che vede l'attrice protagonista di film con Walter Chiari e Carlo Giuffrè, ma anche amicizia con Ronald Regan e Frank Sinatra, del quale fu testimone di nozze.

 

Una vita che ha visto Jorger combattere contro una malattia, un disturbo di distonia bipolare, tenuto sotto controllo mediante l'utilizzo di farmaci specifici. Dopo la morte del marito, la concorrente di Miss Universo inizia una relazione con un ricco barone svizzero, ma questa storia termina e viene ricoverata in psichiatria a causa di una forte crisi nervosa

 

Esce riabilitata, ma deve essere seguita da una badante che possa seguire la 79enne e assicurare la regolare assunzione dei farmaci necessari per la salute. E nel 2012 iniziano alcuni problemi giudiziari, l'amica Zani Rocca spiega che Jorger viene temporaneamente ricoverata alla Clinica Fonte San Martino per l'assentarsi della badante per qualche giorni, ma in realtà sarebbe stata licenziata dall'amministratore di sostegno. 

 

In quel momento l'ex attrice viene trasferita a Villa Eden dove risiederebbe contro la sua volontà. Una prigionia che sarebbe riportata in alcune lettere dirette all'amica e al giudice, nelle quali Jorger afferma di voler tornare in casa, ritornare in possesso del cellulare e riallacciare i rapporti con gli amici. 

 

Nel frattempo però l'amministratore di sostegno, d'accordo con il giudice tutelare, decide di vendere la casa per far fronte alle spese di soggiorno dell'assistita e l'avvocato sostiene che non ci siano irregolarità. Una vicenda che si è chiusa nel 2014, Erica Jorger è rimasta nella casa di cura, anche per le dichiarazione dei psichiatri che documentano un peggioramento di salute.

 

Restano le lettere e un provvedimento del tribunale che considera Anita Rocca Zani una manipolatrice, ma la battaglia è ripresa e anche la trasmissione "Chi l'ha visto" si interessa alla vicenda per fare definitivamente luce sulla realtà.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 maggio - 16:09

Fra i 2 positivi uno è minorenne, il numero dei pazienti ricoverati scende a 16, di cui 3 in rianimazione a Rovereto. Ben 1597 i tamponi effettuati

30 maggio - 16:11

Il presidente del Veneto accusa Atene dimenticandosi che al momento nemmeno il nostro Paese permette ai cittadini di circolare tra le regioni e dandosi, in realtà, anche una risposta da solo per quanto da loro deciso: ''Non mi risulta che la sanità della Grecia sia come quella dell'Italia: non accettiamo lezioni da quel Paese''

30 maggio - 16:08

Sono 2.168 le persone guarite dal Covid-19 (+ 18 rispetto a ieri). A queste si aggiungono 805 persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate per due volte negative al test. Il numero complessivo dei guariti fra sicuri e sospetti si attesta a 2.973 (+ 23 rispetto al giorno precedente)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato