Contenuto sponsorizzato

La mitica Erica Jorger reclusa contro la sua volontà in una casa di riposo di Merano? Anche Chi l'Ha Visto si occupa del caso

Attrice, amica e testimone di nozze di Frank Sinatra, passò dal concorso di Miss Universo alla crisi, un disturbo bipolare, il ricovero e la riabilitazione. Oggi un'amica rivela che sarebbe rinchiusa contro la sua volontà in una casa di riposo. Un giallo del quale si è occupata anche la trasmissione di Rai3

Pubblicato il - 28 novembre 2018 - 13:56

MERANO. Questa sera il programma televisivo di Rai3 "Chi l'ha visto" potrebbe ritornare a parlare della vicenda di Erica Jorger, oggi 79enne, che secondo l'amica Anita Zani Rocca sarebbe reclusa contro la sua volontà all'interno di una casa di riposo nel meranese. Una storia già trattata dalla conduttrice Federica Sciarelli nella puntata di mercoledì scorso.

 

Attrice e concorrente di Miss Universo nel 1965 passa dalle cronache locali a quelle nazionali, ospite dal 2012 nella casa di riposo di Villa Eden a Merano, quando prima viveva in un lussuoso appartamento di 300 metri quadrati a Villa Beatrice di Maia Alta. Un "buen retiro" dopo aver girato tra Stati Uniti e Londra, Ginevra e Milano come moglie di un facoltoso persiano.

 

La vita di Erica Jorger è inoltre raccontata molto dettagliatamente nella pagina Facebook creata dalla sua amica Zani Rocca. Una carriera che vede l'attrice protagonista di film con Walter Chiari e Carlo Giuffrè, ma anche amicizia con Ronald Regan e Frank Sinatra, del quale fu testimone di nozze.

 

Una vita che ha visto Jorger combattere contro una malattia, un disturbo di distonia bipolare, tenuto sotto controllo mediante l'utilizzo di farmaci specifici. Dopo la morte del marito, la concorrente di Miss Universo inizia una relazione con un ricco barone svizzero, ma questa storia termina e viene ricoverata in psichiatria a causa di una forte crisi nervosa

 

Esce riabilitata, ma deve essere seguita da una badante che possa seguire la 79enne e assicurare la regolare assunzione dei farmaci necessari per la salute. E nel 2012 iniziano alcuni problemi giudiziari, l'amica Zani Rocca spiega che Jorger viene temporaneamente ricoverata alla Clinica Fonte San Martino per l'assentarsi della badante per qualche giorni, ma in realtà sarebbe stata licenziata dall'amministratore di sostegno. 

 

In quel momento l'ex attrice viene trasferita a Villa Eden dove risiederebbe contro la sua volontà. Una prigionia che sarebbe riportata in alcune lettere dirette all'amica e al giudice, nelle quali Jorger afferma di voler tornare in casa, ritornare in possesso del cellulare e riallacciare i rapporti con gli amici. 

 

Nel frattempo però l'amministratore di sostegno, d'accordo con il giudice tutelare, decide di vendere la casa per far fronte alle spese di soggiorno dell'assistita e l'avvocato sostiene che non ci siano irregolarità. Una vicenda che si è chiusa nel 2014, Erica Jorger è rimasta nella casa di cura, anche per le dichiarazione dei psichiatri che documentano un peggioramento di salute.

 

Restano le lettere e un provvedimento del tribunale che considera Anita Rocca Zani una manipolatrice, ma la battaglia è ripresa e anche la trasmissione "Chi l'ha visto" si interessa alla vicenda per fare definitivamente luce sulla realtà.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 10:44

Mentre in Trentino aumentano i contagi, sul fronte scuola il presidente Fugatti ha espresso la volontà di discostarsi rispetto al Dpcm evitando di riconvertire le scuole superiori per il 75% alla didattica a distanza. Ma altre sono le criticità intraviste dai docenti, tra cui la mancanza dell'obbligo di indossare la mascherina in classe. Pubblichiamo a riguardo una lettera di un insegnante. "E' la causa di questo aumento vertiginoso dei casi"

27 ottobre - 12:54

Una donna 80enne è stata trovata uccisa in un appartamento di via Resia, a Bolzano. A trovare il corpo, la badante, giunta sul luogo come ogni mattina per offrire i suoi servizi alla coppia. Accanto al cadavere, il marito di 82 anni, indagato come probabile responsabile e che, per lo choc, ha tentato di togliersi la vita

27 ottobre - 11:49

Continuano a crescere i numeri dei contagi da Coronavirus in Alto Adige, dove nella giornata di martedì 27 ottobre si registra un indice contagi/tamponi decisamente alto (13,66%). Con un nuovo decesso, la cifra delle vittime avute da inizio pandemia sale a 300

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato