Contenuto sponsorizzato

La mostra sul sindaco di Riace accende la polemica. CasaPound: ''Non è un esempio da seguire''. Il Comune: ''E' esempio di umanità''

La mostra organizzata dalla biblioteca ha attirato le rimostranza anche di un esponente di Agire: "Ma quando si finirà di fare propaganda politica ed ideologia?"

Di db - 25 ottobre 2018 - 12:10

ARCO. Per l'amministrazione è un evento culturale, programmato mesi fa. Per CasaPound e per Tiziano Salvini di Agire è soltanto propaganda, di quella definita come al solito 'buonista' in favore dei migranti. Il tema della discordia è la mostra sull'accoglienza di Riace, il comune calabrese amministrato dal sindaco Mimmo Lucano. Ad Arco la biblioteca ha organizzato l'iniziativa, inaugurata il 12 ottobre scorso.

 

"Ma è vero che la biblioteca comunale di Arco ospiterà una mostra sul sindaco di Riace sponsorizzando un modello che ad oggi è oggetto di indagine, perché sono stati ravvisati dei reati, invitando per di più le scuole a portarvi i ragazzi?! Ma quando si finirà di fare propaganda politica ed ideologia a scuola o comunque coi minori?!", scrive questo l'esponente di Agire sulla pagina Facebook "Sei della Busa se".

 

E scrive questo Flippo Castaldini di CasaPound: "Mimmo Lucano è stato arrestato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, perché combinava finti matrimoni con i profughi e perché gestiva in maniera poco chiara i fondi sull’accoglienza. Non è certo un eroe o un esempio da seguire per i nostri ragazzi che, ancora una volta, si trovano a doversi sorbire la retorica sull’accoglienza di chi vorrebbe spiegarci l’esempio di chi delinque per favorire la nostra sostituzione grazie un sistema di cooperative e fondi che si arricchisce alle spalle dei disperati mentre i trentini e gli italiani muoiono di fame".

 

"Sappiamo che la vicenda di Riace è assurta nuovamente alla cronaca per alcune irregolarità amministrative contestate al sindaco Lucano - scrive la Biblioteca -  tuttavia l'Amministrazione di Arco ritiene che il progetto di integrazione alla base della rinascita di Riace rimanga, a prescindere, un esempio positivo di lungimiranza e umanità, senza per questo nulla togliere alla libertà della Magistratura di verificare, ed eventualmente sanzionare, i circoscritti casi in cui il perseguimento dell'ideale abbia oltrepassato i limiti previsti dalla legge". 

 

Il direttore che ha organizzato la mostra "Il sindaco e la città futura" con le foto di Gianfranco Ferrato e curata da Sandro Jovine, in una lettera all'Istituto comprensivo di Arco per l'invito all'inaugurazione scrive questo: "L'incontro prevede la proiezione del documentario omonimo e la spiegazione di come e perché è nato il reportage che racconta la storia di Riace, il borgo calabrese che grazie al lavoro del sindaco Lucano ha accolto e integrato centinaia di migranti". 

 

"I veri esempi da seguire sono altri e il nostro Trentino ne è pieno, sopratutto quest’anno dove cade il Centenario della Grande Guerra che ha visto fronteggiarsi con rispetto ed eroismo due schieramenti che ancora rappresentano la storia di questa terra troppo spesso mistificata o relegata a semplice contesa tra tifosi dell’una o dell’altra parte". Questa la risposta di CasaPound che non contenta ha voluto affiggere uno striscione con scritto: “Mimmo Lucano sfruttatore, no immigrazione nelle scuole”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato