Contenuto sponsorizzato

La roulotte si incastra sul Ponte Romano

E' successo ieri sera poco prima delle 21 in fondo a via alla Cascata. L'automobilista ha sganciato il rimorchio e lo ha raddrizzato a mano

Pubblicato il - 04 agosto 2018 - 11:18

TRENTO. Si è incastrata sul ponte tra le due ''ali'' di pietra che fanno da parapetto sopra l'Orrido di Ponte Alto. Una grande roulotte, ieri sera, poco prima delle 21, dopo essere scesa da via alla Cascata, la strada che collega Povo direttamente a via Valsugana e si è trovata ad attraversare il cosiddetto ''Ponte Romano'' ristrutturato pochi mesi fa per dei problemi di stabilità.

 

E a dicembre scorso era stato riaperto dopo che erano stati eseguiti dei lavori alle murature in pietra e ai parapetti. Proprio quei parapetti che ieri sera non permettevano il passaggio della grande roulotte. 

 

L'auto che la trainava è passata mentre il rimorchio essendo molto lungo dopo essere entrato tra i due parapetti del ponte si è incastrato al primo sterzare della macchina. A quel punto l'autista per evitare danni si è fermato e ha sganciato la roulotte. Ha quindi spostato la macchina e a mano ha cercato di raddrizzare il mezzo. Dietro, intanto, si è formata una lunga coda che però pazientemente ha atteso che la situazione si sbloccasse. La situazione si è sbloccata dopo poco e alla fine ogni cosa è tornata alla normalità.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

01 giugno - 18:40

Il presidente della Pat ha parlato a lungo anche della questione nidi e materne tradendo un pensiero evidentemente comune nella Giunta di vedere queste strutture come dei meri parcheggi di bambini. Tutto è ricollegato al tema economico: ''Così i genitori possono tornare a lavorare''. Si torna a circolare liberamente in regione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato