Contenuto sponsorizzato

Lesioni a una gamba per un carabiniere e insulti per altri militari durante dei controlli

I fatti si sono svolti lunedì sera a Trento in due diverse operazioni d'identificazione

Pubblicato il - 11 settembre 2018 - 20:53

TRENTO. Insulti e botte per dei carabinieri in due diverse operazioni. E' successo lunedì sera a dei militari dell'Arma durante delle operazioni di controllo effettuate a Trento. Protagonisti delle azioni di resistenza due persone straniere.

 

Un 25enne romeno è stato fermato dai carabinieri per un'identificazione ma questo da subito ha opposto resistenza. Al tentativo di insistere dei militari si è scagliato contro di loro e nella colluttazione uno dei carabinieri ha riportato delle lesioni poi risultate guaribili in pochi giorni.

 

In un secondo caso un 34enne marocchino alla vista dei militari ha dapprima tentato la fuga e poi, una volta raggiunto ha prima opposto resistenza, poi ha insultato i carabinieri e infine si è rifiutato di fornire le proprie generalità, per risalire alle quali è stato necessario procedere alle operazioni di identificazione negli Uffici di via Barbacovi

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 maggio - 19:27
Complessivamente ci sono 5.399 casi e 461 decessi da inizio emergenza coronavirus in Trentino. I tamponi analizzati sono stati 1.694 per un rapporto contagi/tampone a 0,71%. Sono 12 i nuovi positivi, 9 con sintomi negli ultimi 5 giorni e 3 con screening
24 maggio - 18:58
I tamponi analizzati sono stati 1.694 per un rapporto contagi/tampone che resta sotto la soglia dell'1% di test positivi, a 0,71% per la precisione. Sono 4 i pazienti nei reparti di terapia intensiva. Il Trentino si porta complessivamente a 5.399 casi da inizio emergenza coronavirus
24 maggio - 17:24

Il Tweet indifendibile, se vero (che recita ''quelli con più morti siete voi lumbard e spero di vederli crescere sempre di più, schiattate merde''), è stato pubblicato il 21 maggio. Il giorno dopo l'Fbk ha dato la sua versione spiegando che il ricercatore ha affidato la questione alla polizia postale. Ieri è finito sulla pagina Facebook del leader della Lega (con circa 10.000 commenti) e, così, oggi l'assessore Spinelli si è sentito in dovere di dire la ''sua'' usando, comunque, due pesi e due misure rispetto ad altre vicende simili e più chiare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato